Farmacia Federico consegna medicine

‘Il culo e lo stivale’ di Oliviero Beha a ” Il 7 si fa in 4″

Giovedì 21 giugno 2012 al Parco Madre Teresa di Calcutta, in Via Togliatti, appuntamento con gli aperitivi letterari
Enzo Luciani - 20 Giugno 2012

Giovedì 21 giugno 2012, dalle 19.30 alle 21.00, all’interno della manifestazione "Il 7 si fa in 4" al Parco Madre Teresa di Calcutta il giornalista Oliviero Beha presenterà il suo ultimo lavoro “Il culo e lo stivale” (Chiarelettere 2012). L’appuntamento con lo scrittore, che prosegue con questo volume la sua opera su “i peggiori anni della nostra vita”, si inserisce nel cartellone degli aperitivi letterari organizzati dai Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio Cesv e Spes e dalla Cooperativa sociale P.M.1 onlus.

Da “Colpo grosso” a Milano 2, fino al bunga bunga e al governo tecnico di Monti, dagli anni 90 ad oggi quanto e come è cambiata l’Italia del berlusconismo? Può davvero l’Italia dire di essersi scrollata di dosso mutamenti che hanno toccato anche aspetti culturali profondi?

Dario Quarta intervisterà Oliviero Beha per capire come si guarda al futuro, portandosi dietro il bagaglio di un recente passato che è stato epoca. Antonio De Matteo, attore, leggerà brani tratti dal libro.

«Un titolo provocatorio, ma neppure troppo. Non si tratta solo di una metafora. Il culo è ovunque, nel linguaggio e nella cronaca. Perché, quando e come l’Italia è precipitata nel "cul de sac di un presente e di un futuro tanto nebulosi e atterrenti"? Partendo da una domanda tale da far tremare i polsi a più generazioni, l’autore cerca risposte indietro nel tempo, dal secondo dopoguerra in poi. Il fine è quello di approntare un "manuale di deberlusconizzazione" che riguardi un po’ tutti, compresi i sedicenti avversari del Caimano e quella porzione ampia di italiani che gli ha votato contro "comportandosi come lui". La falla colossale sembra oggi solo economica, ma il buco è culturale e va oltre il presente, nel "paese dei leccaculo". Per uscire da quella che Beha definisce una "pace incivile", c’è bisogno di una nuova responsabilizzazione, per "tornare avanti", e costruire il "partito che non c’è"».

Il prossimo appuntamento è per giovedì 28 Giugno, sempre dalle 19.30 alle 21.00, con la presentazione di “Si può fare. Come combattere lo sfruttamento” di Francesca Coleti e Giuseppe Cavalieri (Edizioni l’ancora del mediterraneo, 2011)

Il buffet degli apertivi è a cura di Syntax Error onlus, una cooperativa sociale che ha il laboratorio gastronomico all’interno della Casa di reclusione di Rebibbia. Offre servizi e prodotti alimentari avvalendosi di professionisti del settore affiancati da figure adeguatamente formate che provengono dal mondo della detenzione. I prodotti sono artigianali e di altissima qualità, realizzati selezionando accuratamente le materie prime e riscoprendo ricette e gusti regionali dimenticati o non conosciuti sul territorio romano-laziale.

Per gli aggiornamenti e il programma completo della manifestazione www.il7sifain4.it.

 

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti