Il degrado avanza nei quartieri del V municipio

Danilo Romagnoli - 13 Luglio 2019

Il degrado che attanaglia da qualche tempo la capitale non solo non sembra placarsi, ma risulta sempre più palese  nelle nostre periferie e parliamo anche di degrado morale e non solo ambientale.

Tale situazione porta  inevitabilmente all’esasperazione tanti cittadini del territorio, i quali sono costretti a convivere passivamente con tante problematiche. Ad esempio, nel V  municipio, via delle Acacie risulta interrotta da oltre due mesi all’altezza del mercato coperto, a causa di un paio di buche che non sono state a tutt’oggi riparate, con la conseguenza che oltre al perenne problema dei parcheggi, risulta caotica la mobilità tra via Tor de Schiavi e via Togliatti.

Non bastasse l’esasperazione per l’immondizia traboccante dai secchioni, che col caldo imperante di questi giorni ammorba e rende irrespirabile l’aria, anche semplici servizi come quello postale risultano da incubo per i residenti del quartiere; il fatto che la posta in via Veroli è chiusa per ristrutturazione (?) da molte settimane (il cartello parlava di 15/20 giorni), creando quotidiano caos ed ingorghi indescrivibili nelle altre sedi, specie in quella di via dei Ciclamini (ne sono stato testimone in persona).

Incontro spesso persone per lo più anziane, che soffrono terribilmente queste problematiche, anche per l’assordante rumore proveniente da giovani maleducati che frequentano la sera bistrot e pub ( i quali stanno proliferando a dismisura ultimamente), rendendo difficoltoso anche il sacrosanto diritto alla quiete e al riposo.

Ci si appella in questi casi al politico di turno, ma ci si dimentica troppo spesso che anche la mancanza di senso civico inevitabilmente alimenta la frustrazione e il malcontento che serpeggiano nelle periferie romane. Lanciamo un appello anche agli amministratori del Municipio affinché siano più solerti e presenti nel territorio, nei limiti delle loro competenze, per alleviare le tante sofferenze anche “sommerse” dei cittadini.

 

Danilo Romagnoli


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti