Il diritto di cittadinanza ai figli minorenni degli immigrati

Presentata lunedì 20 novembre a Roma la mozione per rendere la cittadinanza onoraria ai figli degli immigrati
Mariangela Di Serio - 23 Novembre 2012
Ad oggi già diverse amministrazioni comunali italiane hanno concesso ai bambini, figli di immigrati, ma nati nelle loro municipalità, la cittadinanza onoraria. L’appello era stato lanciato dall’Anci, (Associazione nazionale comuni italiani) e dall’Arci – promotrice della campagna “L’Italia sono anche io”.    Sono 61 i comuni italiani ad aver già istituzionalizzato la procedura di concessione del riconoscimento e, tra questi, pochissime sono città capoluogo.   L’iniziativa, pienamente appoggiata dal presidente Napolitano, è stata lanciata in vista della Giornata nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza, celebrata lunedì 20 novembre, lo stesso giorno dell’anniversario della firma della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia.    Maria Gemma Azuni, Presidente del Gruppo Misto (Sinistra, Ecologia Libertà) ha dichiarato: “Oggi ho presentato una mozione che impegna il Sindaco e l’Assessore competente a  conferire, come atto simbolico, la cittadinanza onoraria ai minori nati nel territorio italiano e residenti a Roma Capitale.   Questa mozione vuole promuovere, come già successo in molti altri comuni italiani, un atto significativo di grande valore civile, in attesa di un effettivo riconoscimento della cittadinanza italiana da parte della legislazione nazionale.   Mi auguro che questo semplice gesto possa aiutare i figli di genitori stranieri a rafforzare il senso di appartenenza alla comunità cittadina nella convinzione che il dialogo, il confronto e il rispetto siano roccaforti del futuro di questa città e di questa Paese.   L’idea di comunità unica e plurale, fonda le proprie radici sulle diversità culturali e religiose intese come una ricchezza e non un problema”.

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti