Il gioco dei colori

GiProietti - 7 Novembre 2020

Siamo ormai dentro le zone multicolori, la nostra libertà di movimento non é assoluta, perché dobbiamo rendere massimo il nostro senso di responsabilità.

Leggo tanti commenti, di livello talvolta molto basso, sulle zone da DPCM. Sono trattati di storia dell’arte: perché Tiziano o Van Gogh o Chagall hanno scelto quel colore… O sindacale-campanilistici: per quale motivo noi lombardi trattati peggio dei napoletani?


Non ho letto quasi niente di profondo e serio, che aiutasse a riflettere sulle origini e le motivazioni di questa esperienza sconvolgente per tutto il mondo.
Solo una Sindaca di un piccolo Paese della provincia di Cosenza ha scritto col cuore e col cervello, dimostrando di essere un vero Responsabile di una Comunità, che lei cerca di informare, incoraggiare ed educare per renderla consapevole dei rischi che si corrono, per spronarla a combattere la cattiva politica sempre praticata, la diffusa mancanza di cultura civile e sociale, il disinteresse verso qualunque azione di valenza generale e comunitario.
Sono contento che in Italia esistano questi eroi “locali”, queste fonti di speranza sorgiva e pulita, che sappiano parlare in modo alto e nobile, dimenticando l’angustia che tanto opprime e condiziona le storie delle piccole e sperdute realtà.

Farmacia Federico consegna medicine

L’altro ieri era l’anniversario della morte di La Pira, un sognatore santo, molto solo nelle sue vicende terrene, ma sempre rivolto al cielo, verso obiettivi complessi e unificanti, che coinvolgessero tutti, di qualunque razza e colore della pelle.
Qualche piccolo Sindaco, ma anche Dario Nardella sindaco di Firenze e successore di La Pira, stanno capendo che bisogna finalmente alzare il tiro e mirare in alto.

Sono belle le sfumature dei colori terreni, ma non perdiamo tempo a disputare di “zone” gialle, arancioni e rosse. Interroghiamoci come fare responsabilmente per cambiare tutti i colori nel verde acceso della futura libertà.
E alziamo gli occhi: li’, dopo il temporale, compare sempre l’arcobaleno, che è iridato in tutto il mondo.

 

GiProietti


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti