Il Parco della Cellulosa a rischio chiusura

Il Comitato dei cittadini spera di salvare l’area a cui dedica da 4 anni tutti i suoi sforzi
di Federico Ridolfi - 5 Giugno 2009

Cresce la protesta dei cittadini contro il rischio concreto di chiusura del Parco della Cellulosa di Casalotti: il Commissario dell’ISPRA ex ICRAM, Prefetto Grimaldi, ha infatti annunciato che entro l’estate il Parco verrà chiuso per presunti e non meglio spiegati “motivi di sicurezza”.

Il parco, di circa 90 ettari, è di recente costituzione e rappresenta una risorsa inestimabile per chi vive nel quadrante di Roma Nord-Ovest, tra via Boccea e via Aurelia. L’inaugurazione del Parco della Cellulosa è avvenuta nel maggio 2007 grazie all’impegno dei cittadini della zona che si sono battuti per la sua costituzione.
Nel 2005 i cittadini del XVIII municipio hanno costituito un comitato per promuovere la tutela, la salvaguardia, l’acquisizione e la destinazione a parco pubblico di circa 14 ettari di terreno di due aree, di proprietà pubblica, dell’ex Ente Nazionale Cellulosa e Carta (una delimitata da via di Casalotti, via della Cellulosa e via di Santa Seconda, l’altra posta in via Valle della Questione, verso la campagna, in direzione di via di Casal Selce). Dall’11 maggio 2006 tutta l’area ricade all’interno del Monumento Naturale Parco della Cellulosa, istituito con Decreto Legge Regionale n. 165 dalla giunta Marrazzo.

I cittadini cercano ora di scongiurare la possibile chiusura del parco a cui, dal 2005, dedicano tutti i propri sforzi. Da quattro anni, infatti, il Comitato garantisce spontaneamente ed autonomamente la manutenzione e la gestione del parco, ed ha anche ideato un progetto per dotare l’area di percorsi sportivi, ciclabili, di servizi di baby sitting e per realizzare una fattoria sociale.

Il Comitato, il 3 giugno scorso, ha perciò convocato un’assemblea ed indetto una mobilitazione generale a difesa del parco.
I cittadini chiedono che le istituzioni utilizzino i soldi già disponibili presso l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma per l’acquisto del parco “Bisogna evitare ad ogni costo che il parco finisca nelle mani di chi vuole costruirci ulteriori case privando la zona dell’unico spazio verde di cui è dotata”, ha dichiarato il Comitato dei Cittadini. Ma il rischio che il parco venga chiuso è concreto e risiede anche nelle caratteristiche della sua istituzione: il Parco della cellulosa è infatti un “Monumento Naturale” (e non una “Riserva Naturale”) istituito da un decreto legge e quindi può essere revocato, in qualunque momento, da un altro decreto legge.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti