Il Partito Animalista a Congresso

Si terrà tramite la piattaforma streamyard domenica 12 luglio, dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00
Bruna Fiorentino - 9 Luglio 2020

Domenica 12 luglio, dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00, si svolgerà il congresso del Partito Animalista Italiano.

Vista l’emergenza Covid-19 e la difficoltà lamentata da molti, tra delegati ed iscritti, anche a potersi spostare con tranquillità con i mezzi pubblici, considerando come i treni viaggiano a posti dimezzati e le compagnie aeree ancora non hanno riaperto molte tratte, il Partito ha deciso di sviluppare un’innovativa modalità di svolgimento per i lavori del congresso. In un modo piuttosto innovativo ed inedito nel nostro Paese, il congresso si terrà tramite la piattaforma streamyard a cui potranno intervenire relatori, ospiti e soprattutto gli iscritti del partito che, pur da remoto, potranno collegarsi anche in modalità video ed in diretta, appunto per dare il loro fondamentale contributo ai lavori.

Ai lavori congressuali parteciperanno, dunque, iscritti e simpatizzanti, e per la prima volta si svolgeranno in diretta sui canali social Youtube e sul sito Facebook del Partito Animalista Italiano.

L’appuntamento, di importanza rilevante, cade in un momento particolare che vede alcune Regioni italiane impegnate in campagne elettorali per le elezioni che si svolgeranno a settembre, nel mentre vige ancora la preoccupazione del Covid-19.

Di recente, vale ricordarlo, il PAI ha presentato in Corte di Cassazione, una proposta di legge contro il maltrattamento degli animali, ora sottoposta alla firma dei cittadini (in tutt’Italia) che sono sensibili a queste tematiche; nel momento in cui scriviamo i consensi lasciano ben sperare sull’iter che deve attraversare prima di essere positivamente discussa in parlamento.

Il Presidente Cristiano Ceriello, fondatore del partito, è sicuro che da questo congresso verrà fuori un programma di grande validità per un’Italia più animalista.

 

Bruna Fiorentino


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti