Il Presidente Gianfranco Fini alla X edizione del “Memorial Nassiriya”

La manifestazione condotta da Mauro Caliste ancora una volta coniuga al meglio ricordo, istituzioni e intrattenimento
di Aldo Zaino - 15 Novembre 2012

Sabato 10 e domenica 11 novembre 2012  presso il Teatro San Luca si è svolto il “Memorial Caduti di Nassiriya”. Il Memorial, giunto alla decima edizione, vuole ricordare l’attentato di Nassiriya del novembre 2003, quando Giancarlo Muti Presidente delle Polisportive S.Luca e Folgore decise di organizzare per la prima volta la manifestazioni sportive in ricordo dei militari e civili uccisi nell’attentato.

Dal 2009, quando il Parlamento Italiano ha fissato al 12 Novembre la giornata dedicata alla memoria di civili e militari caduti nelle missioni internazionali per la pace, anche Giancarlo Muti ha voluto dedicare il Memorial a tutti i caduti nelle missioni di Pace. La giornata di sabato 10 novembre è stata dedicata ai tanti bambini, ragazzi e ragazze che hanno partecipato a tornei di calcio nei campi della Polisportiva San Luca e di pallavolo nella palestra della Scuola ex Piranesi in via Luchino dal Verme.

Terminati nel pomeriggio i vari tornei, si è proceduto nel Teatro S.Luca a premiare tutti i partecipanti, con il motto "tutti hanno vinto per la pace". Sempre sabato sono stati premiati i vincitori dei concorsi di letteratura, fotografia e disegno. Il concorso di letteratura è andato a Jacopo Naso del Liceo Classico Albertelli, il concorso di fotografia è stato vinto da Di Mola Matteo della V D dell’Istituto Comprensivo Luchino dal Verme, plesso Giulio Cesare.Mentre  il concorso di disegno di gruppo, il trofeo è andato alla classe IV C elementare del plesso Giulio Cesare.

Terminate le premiazioni, la folta platea che riempiva il teatro S.Luca ha potuto ascoltare il concerto della Banda della Polizia di Stato del Direttore Roberto Granata, che si è esibita nel suo repertorio. Si è passati da classici di Mozart e Giuseppe Verdi alla colonna sonora del film La vita è bella di Nicola Piovani. Al termine del concerto l’inno d’Italia, Il canto degli Italiani, di Michele Novaro, cantato da tutti i presenti in sala.

La seconda giornata del Memorial, domenica 11 novembre, è stata quella istituzionale. All’apertura della manifestazione Giancarlo Muti ha consegnato ai rappresentanti della Norman Academy e dell’Associazione Costantina di Grosseto riconoscimenti per il loro impegno per la pace e la solidarietà nel mondo. Erano presenti il Senatore Lucio D’Ubaldo, Dario Marcucci Presidente Municipio Roma 3, Eugenio Patanè e il Generale di Corpo d’Armata Rocco Panunzi. Presenti inoltre, in rappresentanza del Sindaco Alemanno il Consigliere Massimiliano Ciccocelli del Municipio Roma 6 e la Consigliera Nunzia Castello in rappresentanza del Presidente Palmieri del Municipio 6 e Sandro Santilli, consigliere del Municipio Roma 6

La giornata è stata nobilitata dall’intervento in veste istituzionale del Presidente della Camera dei Deputati, on. Gianfranco Fini che ha consegnato delle targhe commemorative ricordo ai famigliari dei caduti di Nassiriya appositamente venuti a Roma per il Memorial. Erano presenti la Sig.ra Tiziana Montalto vedova del Maresciallo Alfio Ragazzi, la Sig.ra Alessandra Savio vedova del Tenente Filippo Merlino, il Sig. Marco Intravaia figlio del Brigadiere Domenico Intravaia, la Sig.ra Maria Cinino madre del Sergente Emanuele Ferraro, il Sig. Petrucci Giuseppe papà del Caporal Maggiore Pietro Pietrucci e la Sig.ra Cimino Maria mamma del Caporal Maggiore Ferraro Emanuele.

Nel suo intervento l’On. Fini “ha ricordato la fondamentale presenza dei militari Italiani in molte missioni di pace nel mondo per la democrazia”. Giancarlo Muti ha consegnato al Presidente Fini il premio speciale Nassiriya 2012. Gli altri premi speciali sono stati consegnati al Maggiore dei Carabinieri Dott. Domenico Albanese. comandante Compagnia Roma- Casilina, al Maresciallo Stefano Duca, comandante della Stazione dei Carabinieri di Torpignattara e all’attore Flavio Insinna che ha raccontato alcuni aneddoti simpatici della famosa serie televisiva Don Matteo dove impersonava il Comandante di una Stazione di Carabinieri.

Al termine della manifestazione si è esibita la Fanfara dei Carabinieri di Roma, diretta dal Maestro Maresciallo Capo Danilo Di Silvestro, un piacevolissimo concerto con brani classici di Verdi, Rossini e Strauss e moderni. Molto apprezzate dal pubblico presente è stata la raccolta delle più belle canzoni di Carlos Santana e un mix delle più belle musiche da film scritte da Ennio Morricone. L’inno di Mameli, "Il canto degli Italiani" è stato cantato dall’intero teatro e dai bambini della II B e IV C elementari del plesso Giulio Cesare. 

Al termine del concerto il primo trombettista della Fanfara ha suonato il Silenzio, seguito dalla "Fedelissima" marcia d’ordinanza dell’Arma dei Carabinieri. Prima del saluto finale di Giancarlo Muti si è esibita la scuola di danza della Polisportiva Folgore "epaulement ballet" con balletti del suo repertorio.

Il buon esito del 10° Memorial si deve al Comitato Organizzativo composto da: Giancarlo Muti Presidente, Mauro Caliste Vice Presidente, Francesca Maria Vecchioni Ufficio Stampa, e dai Consiglieri Giampaolo Muti, Giancarlo De Santis e Virgilio Frasca.  Personaggi che ancora una volta hanno dato notorietà al nostro quartiere, per la presenza di una delle massime autorità dello Stato e per aver offerto l’occasione per ricordare i tanti ragazzi morti nella loro missione di pace.

Entrambe le serate sono state condotte magistralmente da Mauro Caliste che ha saputo far convivere al meglio la parte istituzionale e del ricordo con la parte dedicata all’intrattenimento. La Manifestazione è stata realizzata con il Patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero dell’Interno, Ministero della Difesa, Ministero per la cooperazione Internazionale e l’Integrazione, Ministero dello Sport, Comando Generale dei Carabinieri, Comando Generale Aereonautica Militare, Norman Academy, Legione d’Onore Cavalieri di Vittorio Veneto, Associazione Nazionale Sanità Militare Italiana.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti