Il Presidente Napolitano, ospite d’onore all’Auditorium

Cena di gala venerdì 20 novembre a sostegno delle attività dell'Accademia di Santa Cecilia
di Riccardo Faiella - 16 Novembre 2009

Chi aveva promosso l’iniziativa – gli Amici di Santa Cecilia e un comitato di illustri personalità guidate da Luigi Spaventa – non immaginava di certo, un così grande successo.

Organizzare una cena di gala a sostegno delle attività dell’Accademia di Santa Cecilia, imponendo un contributo minimo di mille euro ad ogni partecipante, con l’ambizioso obiettivo di raggiungere le duecento prenotazioni, sembrava commettere un peccato di presunzione: Mission impossible.

Invece, nella suggestiva cornice dello Spazio Risonanze all’Auditorium Parco della Musica di viale Pietro de Coubertin, la sera di venerdì 20 novembre, si sono date appuntamento più di duecentoventi personalità. Tra di loro ci sarà, come ospite d’onore, il nostro Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il quale sarà accompagnato dalla consorte, la signora Clio.

Napolitano da sempre segue con vivo interesse i concerti di Santa Cecilia. Ad accogliere il Presidente della Repubblica e sua moglie ci saranno il Presidente-Sovrintendente dell’Accademia, Bruno Cagli, e il Direttore musicale Antonio Pappano.

Tra gli altri presenti ci sono i nomi più prestigiosi dell’industria, della finanza, della moda e dell’economia, in rappresentanza di importanti realtà nazionali e internazionali. Basta citare Eni, Enel, Terna, BNL, Unicredit, Ferrovie dello Stato, Finmeccanica, Telecom, Vodafone, Wind, Medusa Film, Merloni, Parmalat.

Non mancheranno esponenti della politica (Gianni Letta) e della cultura (Paolo Baratta), oltre a una nutrita rappresentanza della nobiltà romana.

La serata sarà introdotta da un momento musicale a cura del Coro di Voci Bianche dell’Accademia di Santa Cecilia. La parte culinaria sarà affidata al prestigioso chef palermitano Filippo La Mantia, con gli allestimenti di Relais Le Jardin.

INFO: www.santacecilia.it

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti