“Il tuo quartiere non è una discarica”: raccolte 60 tonnellate di rifiuti

Nel primo appuntamento dell'anno dell'iniziativa di Ama e Tgr Lazio. Prossima tappa domenica 24 febbraio 2013
i comunicati dell'Ama - 28 Gennaio 2013

Ammontano a circa 60 le tonnellate (oltre il 70% riciclabili) di rifiuti ingombranti raccolte, domenica 27 gennaio 2013, nel primo appuntamento dell’anno con la campagna “Il tuo quartiere non è una discarica”, organizzata da Ama in collaborazione con il TGR Lazio e giunta alla XIV edizione. 

Nei nove municipi pari della città, Ama ha messo a disposizione dei cittadini complessivamente 21 postazioni, presso le quali è stato possibile consegnare rifiuti ingombrati, speciali e RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche).

Molto soddisfatti sia il presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale, Andrea De Priamo sia il presidente di Ama Piergiorgio Benvenuti, che in visita all’ecostazione di piazzale Cina (XII municipio), ha sottolineato “l’importanza di iniziative del genere per prevenire il triste fenomeno delle discariche abusive e incrementare così i flussi di raccolta differenziata. A questo proposito, colgo l’occasione per ringraziare tutti i romani che, separando correttamente i rifiuti, hanno permesso a Roma di superare per la prima volta, a dicembre 2012, la soglia del 30% di raccolta differenziata. Si tratta di un risultato straordinario che ci induce a guardare con ottimismo al futuro e al prossimo obiettivo del 40% di materiali da avviare al riciclo entro la fine di quest’anno”.

Laboratorio Analisi Lepetit

I cittadini hanno l’opportunità di consegnare i rifiuti ingombranti, elettrici ed elettronici non solo in questi appuntamenti ma anche, quotidianamente e gratuitamente, presso i 13 Centri di raccolta aziendali e le 186 postazioni mobili dislocate, in giorni e orari prefissati, in tutti i 19 municipi della città. Il prossimo appuntamento con “Il tuo quartiere non è una discarica” è fissato per domenica 24 febbraio nei municipi dispari della Capitale.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti