Il volo di Khadiri Panormita di Livio Aquila

Il 26 gennaio alle ore 17,30 – 1° serata Libereria in via delle Rose 45 (Centocelle) Roma, l’autore siciliano presenterà il suo poema “semiserio”
Bruna Fiorentino - 24 Gennaio 2019

Il 26 gennaio 2019 alle ore 17,30 – 1° serata Libereria, in via delle Rose 45 (Centocelle) Roma, Livio Aquila presenterà il suo poema “semiserio” Il volo di Khadiri Panormita.

Nella copertina del libro, come sottotitolo alla pubblicazione Il volo di Khadiri Panormita, un dettaglio, quasi un incipit, svela la natura artistica dell’autore:  “Colui che poco chiese ma ricevette tanto, è un piccolo poema semiserio, con novantanove note dell’autore, ad uso dei due incolti suoi lettori”. Un anticipo sul contenuto del lavoro di Livio Aquila che già si preannuncia interessante.

L’autore racconta in 432 settenari la vicenda strepitosa, a tratti umoristica, istruttiva ed escatologica di un giovane scapestrato vissuto nell’araba Palermo intorno all’anno 1000. Il poemetto si ammanta di uno stile antico e fiabesco per narrare verità eterne.

L’opera è impreziosita da dieci illustrazioni dell’artista Paul Gutierrez Duque e dal brano musicale Il canto di Khadiri, scritto dal compositore Joe Schittino.

Livio Aquila è nato nella Sicilia sud-orientale nel 1976, è laureato in Lettere Classiche e i suoi interessi riguardano essenzialmente il mondo antico. Attualmente vive a Rome dove lavora come docente di Lettere. Nel tempo libero studia latino e greco.

“Il volo di Khandira Panormita” è la sua prima fatica letteraria.

Alla presentazione del 26 gennaio interverranno: Sabrina Carbone, Simone Marcari e Filomena Zarrelli.

 

Bruna Fiorentino


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti