Imperversa la tenzone poetica pro e contro Raggi

I testi di Ventrone, Morassut e Visibelli
Redazione - 5 Febbraio 2017

Imperversa la tenzone pro e contro la sindaca Raggi. Sabato 4 febbraio è apparso sul blog di Grillo una poesia, impropriamente definita sonetto, di Antonio Ventrone per sostenere Virginia Raggi. Titolo: “Er sinnaco nun se tocca”. Eccola.

Dar primo giorno dopo l’elezzione,
l’hanno accerchiata dandoje er tormento,
io ciò ‘n idea de tutta a situazzione,
s’è messa contro quelli der cemento.

Sò entrati prepotenti ner privato,
vorebbero costrignela a la resa.
Quarcuno ha fatto i conti e s’è sbajato,
l’ho vista stanca e quarche vorta tesa.

Dar Ciriola asporto

E’ stata troppo ingenua davvero
ha fatto quarche erore e chiesto scusa,
quello che dice sò ch’è tutto vero
da oggi l’hanno messa sotto accusa.

Le cose, certo stanno messe male
pe quelli che se sò arubbati tutto,
er tempo passa e la pressione sale,
quello che c’era prima sarà distrutto.

Giornali e giornalisti de regime
palazzinari, burocrati e banchieri
nun tornano li conti co le stime
se sò incazzati pure l’ingenieri.

Virginia è onesta e pure preparata
er popolo ha capito, de chi fidasse
sippure tutti l’antri, sò in parata
faremo tornà i sordi ne le casse.

Fate attenzione quindi “brava” gente
er Sinnaco de roma nun se tocca
er popolo ha votato e nun se pente.
In verità ve dico: “puliteve la bocca”.

A stretto giro ha risposto il parlamentare PD Roberto Morassut con una poesia in romanesco in terzine di endecasillabi. Titolo “Le cazzate de Ventrone” Eccola

Ho letto de Ventrone che la Raggi
Difende co la lingua romanesca
Pe sta storiaccia fatta de appannaggi

Dati a strafotte come fava fresca
In cambio de na polizza pe vita.
C’è poco da difendela sta tresca.

Avete solo aggiunto na ferita
A na città che avete cojonato
E dato premi a più de un parassita

Marra, Romeo e qualche artro sfigato
J’avete fatto fa li cazzi loro
J’avete messo in mano un cararmato

Co voi ar potere se so fatti d’oro
Virginia dice che nun lo sapeva
L’ha messi e l’ha difesi come un toro

Senza de loro gnente lei poteva
Na cricca de cazzari e de briganti
La squadra sua fidata: quella era.

Mo ce sta a riccontà a li quattro venti
Che vonno falla scenne giù dar colle
Perché ha pestato i piedi a li potenti

La verità è chiara ormai alle folle
Pippe, ‘ntrujoni e pure assai buciardi
Co le parole fate solo bolle”.

Concludiamo, per ora, con una poesia del nostro notista politico Ettore Visibelli

…piove sui vostri volti
ruffiani
piove nelle vostre mani
ignude…

Nell’aria di Roma c’è rischio di pioggia:
ci son troppe nubi e il cielo le alloggia;
ci son cirri bassi, ci sono saette,
e polizze a vita, che piovono a fette.

Se apri l’ombrello, sarai defraudato
di un bene che in tanti hanno già guadagnato.
L’ombrello conviene tu apra al contrario:
se ne becchi una e beneficiario
risulti, è un peccato non esser bagnato.

Speriamo nel sole, speriamo nei Raggi
che apportano sempre dei buoni appannaggi.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti