Laboratorio Analisi Lepetit

Impianto fotovoltaico all’Istituto Europa a Tor de Schiavi

Grazie ad un investimento della Provincia di Roma, inaugurato sul tetto dell'Istituto Europa-Virginia Wolf di via Romolo Trinchieri il 21 settembre 2012
di M.G. T. - 30 Settembre 2012

In un momento di tagli alle risorse la Provincia di Roma decide di investire sulla scuola. Questa volta punta sull’energia rinnovabile con l’inaugurazione, lo scorso 21 settembre 2012, di un impianto fotovoltaico da 40 kilowatt sul tetto dell’Istituto Europa-Virginia Wolf di via Romolo Trinchieri a Tor de Schiavi. 

Il tetto ‘solare’ dell’ Europa, costituito da due sotto impianti da 19,5 kw ciascuno, risulta essere uno dei più grandi costituiti sino ad ora dall’amministrazione provinciale in un edificio scolastico, con una produzione di energia di circa 50 mila kwh all’anno pari al consumo di 20-25 famiglie.

Gli studenti potranno controllare in ogni momento la quantità di energia risparmiata, grazie ad un monitor montato all’interno della scuola. Il progetto è stato realizzato attraverso il project financing, ovvero con un sostegno da parte delle imprese, di 270mila euro per mezzo del quale è stato possibile dare vita all’iniziativa dal costo totale di 24 milioni di euro. 

Al momento sono 239 gli impianti presenti nella Provincia, di cui 7 sugli edifici dell’amministrazione e 232 distribuiti su 186 scuole, vale a dire la quasi totalità degli istituti provinciali, a eccezione di quelli sottoposti a vincoli architettonici o paesaggistici. L’obiettivo della Provincia di Roma è quello di dotare di impianti fotovoltaici i circa 300 istituti del territorio entro la fine dell’anno, per una produzione totale di oltre 3.500 kwp.

"Segnalo la nostra iniziativa – ha commentato il presidente, Nicola Zingaretti – a chi nel governo italiano sta pensando alla revisione della spesa: i tetti verdi della Pubblica amministrazione possono essere un grande elemento di modernizzazione, di sviluppo di un’economia sostenibile, non tagliando i servizi ma aumentando la loro qualità. 

Alla Provincia vogliamo collaborare perché diventi un modello per tutto il Paese – continua Zingaretti – Se ministeri, uffici pubblici, caserme, scuole e università di tutt’Italia scelgono questa strada, garantirebbero a tutti una migliore qualità della vita. Una scuola pubblica di qualità, anche attraverso progetti innovativi che consentono di risparmiare risorse e di investirle per la formazione dei giovani."


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti