In affido i primi beagle di Green Hill

Cirinnà: battaglia contro Green Hill a tutela dei diritti degli animali
di Patrizia Miracco - 29 Luglio 2012

Giornata indimenticabile per i beagle sottratti all’allevamento Green Hill di Montechiari, Brescia.
I cani destinati alla sperimentazione sono stati salvati dal loro tragico destino e liberati dall’allevamento di Green Hill il 17 luglio perché messo sotto sequestro con l’accusa di maltrattamenti di animali e mancato rispetto dell’anagrafe canina.
Ora l’obiettivo è di consegnare in tempi rapidi i primi 200 dei 2400 beagle. Sei di loro sono stati accompagnati il 27 luglio da Milano a Roma dall’on. Monica Cirinnà, responsabile delle politiche animali del Pd Lazio, a bordo del treno ad alta velocità ‘Italo’, della società NTV. Si tratta di due adulti e di quattro cuccioli, un maschio e una femmina di circa tre anni e quattro cuccioli di alcuni mesi (una femmina e tre maschi). Come concordato con l’associazione Legambiente i beagle sono dati in affido alle prime famiglie che hanno fatto richiesta via internet sul sito di Legambiente dichiarando completa disposizione all’affido temporaneo e ai controlli che seguiranno.
La prima beagle in affido è ‘Vegan Libera Tutti’, di quattro anni. La cagnetta è stata assegnata a Giuliano Floris, un membro del coordinamento ‘Salviamo i cani di Green Hill’, che si è battuto per la liberazione dei 2.400 animali detenuti di Green Hill.
Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega italiana difesa animali e ambiente, ha dichiarato: “Sono entrata all’interno di Green Hill e non dimenticherò mai la disperazione che ho visto negli occhi di quelle povere creature. Ho promesso che li avrei liberati tutti. Quel giorno ho deciso di presentare in Procura un esposto sulle condizioni in cui versavano i cani di Green Hill e di introdurre nella legge comunitaria per il 2011 una norma che vieta su tutto il territorio nazionale l’allevamento di cani, gatti e primati destinati alla vivisezione".
"A tutte le associazioni che hanno condotto la battaglia contro Green Hill – ha detto l’esponente democratica Monica Cirinnà – va ancora una volta il nostro riconoscimento per aver sostenuto con caparbietà una battaglia di civiltà che lascerà il segno nell’ordinamento giuridico dello stato italiano a tutela dei diritti degli animali. Sono molto soddisfatta per la grande adesione alla campagna di adozione dei beagle cui la nostra città sta partecipando con entusiasmo. E’ la riprova della grande sensibilità dei cittadini romani contro qualsiasi tipo di ingiustizia e di violazioni dei diritti di tutti gli esseri viventi”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti