In memoria di Irena Sendler

Poco tempo fa è venuta a mancare una signora di 98 anni. Ecco la sua storia esemplare
Enzo Luciani - 26 Ottobre 2011

Poco tempo fa è venuta a mancare Irena Sendler una signora di 98 anni. Ecco la sua storia esemplare.

Durante la seconda guerra mondiale, Irena, ha ottenuto il permesso di lavorare nel ghetto di Varsavia. Aveva un ulteriore motivo.

Era al corrente dei piani che i nazisti avevano per gli ebrei

Irena portò in salvo migliaia di neonati nascondendoli nel fondo della sua cassetta degli attrezzi che portava nel retro di un’ambulanza. I bambini più grandi li nascondeva un sacco di iuta …

Teneva anche un cane, che aveva addestrato ad abbaiare quando i soldati nazisti si avvicinavano.

I soldati, naturalmente, temevano il cane e il suo latrato copriva il pianto dei bambini.

Durante tutto questo tempo, è riuscita a salvare circa 2500 tra bambini e neonati.

 

Adotta Abitare A

Fu catturata, e i nazisti , le ruppero entrambe le gambe e le braccia picchiandola selvaggiamente.

Irena tenne un registro dei nomi di tutti i ragazzi che clandestinamente aveva portato fuori dai confini e lo teneva in un barattolo di vetro, sepolto nel suo cortile.

Dopo la guerra, cercò di rintracciare tutti i genitori che potessero essere sopravvissuti per riunire le famiglie.

La maggior parte di loro erano stati gasati. Irena ha continuato a prendersi cura di questi ragazzi, mettendoli in case famiglia o trovando loro famiglie affidatarie o adottive.

Irena è stata proposta per il Premio Nobel della Pace. Non è stata nominata.

N MEMORIA – 63 ANNI DOPO

Io sto facendo la mia piccola parte per l’inoltro questo messaggio. Spero che prenderete in considerazione il fatto di fare lo stesso. Sono trascorsi ormai più di 60 anni dalla fine della Seconda guerra mondiale.

Questo scritto è dedicato alla memoria dei sei milioni di ebrei, 20 milioni di russi, 10 milioni di Cristiani e 1900 preti cattolici che sono stati assassinati, massacrati, violentati, bruciati,
morti di stenti e umiliati!

È di importanza fondamentale che il mondo non dimentichi mai, affinchè una tale barbarie non accada mai più. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti