In viale Togliatti scoperta sala operatoria abusiva in un centro estetico cinese 

Nel corso delle verifiche della polizia locale del IV Gruppo insieme al personale della ASL RM2, sarebbe emersa la mancanza completa di titoli per l'esercizio di pratiche estetiche
Antonio Barcella - 16 Febbraio 2019

Durante alcuni controlli amministrativi, gli agenti della polizia locale del IV Gruppo Tiburtino hanno accertato che all’interno di un’attività di centro estetico, avvenivano operazioni chirurgiche senza alcuna autorizzazione. Nel corso delle verifiche, insieme al personale della ASL RM2, non solo è emersa la mancanza di titoli per l’esercizio di pratiche estetiche, ma è stata scoperta una vera e propria sala operatoria priva di qualsiasi autorizzazione sanitaria.

L’intera struttura è stata posta sotto sequestro ed un uomo è stato denunciato all’autorità giudiziaria. Gli agenti intervenuti in viale Palmiro Togliatti, all’altezza di Ponte Mammolo hanno scoperto una sala operatoria completamente attrezzata per interventi di chirurgia plastica, con macchinari all’avanguardia. Nel corso delle verifiche, insieme al personale della ASL RM2, sarebbe emersa la mancanza completa di titoli per l’esercizio di pratiche estetiche.

All’interno del centro erano presenti due donne asiatiche, una di 39 anni che lamentava forti dolori agli occhi e che mostrava segni di un recente intervento di blefaroplastica, per lei è stato necessario l’intervento del 118, e una impiegata di 26 anni nei cui confronti si è proceduto perché priva di regolare permesso di soggiorno.
I locali sono stati messi immediatamente sotto sequestro, insieme a documenti, un computer, bombole d’ossigeno, farmaci anti-emorragici e un kit di emergenza per la rianimazione. Sono state avviate ulteriori indagini nei confronti dei responsabili dell’attività. Ieri mattina, gli agenti hanno rintracciato l’amministratore delegato della società che gestiva il centro, un trentacinquenne, anch’esso asiatico, il quale è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria.

Antonio Barcella


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti