Inaugurato all’ITIS “E. Fermi” di Frascati l’anno scolastico e il campetto sportivo polivalente

L'impianto è stato ristrutturato dalla Provincia di Roma
di Federico Carabetta - 23 Settembre 2011

Venerdì 16 settembre, alle ore 9,30, nel cortile dell’Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi di Frascati, alla presenza del Dirigente Scolastico dell’Istituto Prof. Carmine Giammarini, del Presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti, dell’Assessore alle politiche della scuola Paola Rita Stella, dell’Assessore allo Sport Patrizia Prestipino, del Sindaco del Comune di Frascati, Stefano Di Tommaso, del Comandante del Gruppo della Guardia di Finanza di Frascati, del Comandante del Gruppo dei Carabinieri di Frascati, del Deputato del Partito Democratico Antonio Rugghia, del Consigliere Provinciale Franco Posa, dei rappresentanti dei genitori del Consiglio d’Istituto, di moltissimi alunni e docenti, si è tagliato il nastro per l’inaugurazione del nuovo campetto sportivo polivalente.

Il vescovo di Frascati, Monsignor Raffaello Martinelli, ha benedetto il nuovo spazio e ha formulato gli auguri per l’anno scolastico appena iniziato. Il presidente della Provincia, Nicola Zingaretti, ha manifestato soddisfazione per il rinnovamento del campo sportivo, divenuto campetto polivalente adibito ai giochi del tennis, della pallavolo e del calcetto. Il segnale per l’inizio della partita è stato il suo primo calcio al pallone… Due squadre di ragazzi del Fermi giocano subito dopo, raggiungendo un risultato di parità festeggiato da tutti.

“Investire nella scuola pubblica è investire nella Società” è stato un logo condiviso dai partecipanti, l’inaugurazione è stata l’occasione per continuare la bella iniziativa del Presidente Zingaretti di salutare gli studenti della scuola della provincia all’inizio dell’anno scolastico. Non è mancata la voce del Sindaco che nel ribadire la sensibilità dell’amministrazione verso la scuola pubblica ha sottolineato l’importanza dell’integrazione per gli alunni diversamente abili.

L’attività sportiva è evidentemente la più popolare tra tutte quelle praticate a scuola, nonché formativa in quanto fa lievitare ed esprimere nei giovani i comportamenti più corretti e sani.

A proposito di competitività auspicabile, il presidente della Provincia ha sottolineato la particolare necessità per gli studenti di oggi di ottenere una formazione capace di competere nel panorama europeo e non solo, considerando anche che attualmente la mobilità dei giovani è favorita da spostamenti veloci e a basso costo.
Superfluo dire quanto i ragazzi presenti sono stati d’accordo con questo discorso!

Dunque un bel risultato questo incontro tra territorio e istituzione scolastica: prosecuzione di una sinergia che non può che tornare utile a entrambe le realtà, offrendo la possibilità di conoscersi, uscendo dalla retorica e dall’astrattezza, superando l’inerzia attraverso atti concreti.
A proposito di gesti per sancire questa vicinanza, c’è stato lo scambio dei doni: bandiera della Provincia in cambio della maglia della squadra sportiva dell’Istituto.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti