Incanto con te, tra mostra e concerto al Centro Morandi

Il 5 dicembre Musica, creatività e fotografia per festeggiare il V compleanno del Coroincanto
di Rita Bastoni - 10 Dicembre 2015

Il 5 dicembre Musica, creatività e fotografia al Centro Culturale G. Morandi che insieme al Coroincanto Vocifemminili senzaconfini ci ha invitato infatti a festeggiare il V compleanno del Coroincanto.

mostraLe signore del coro femminile multietnico si sono messe in “mostra” attraverso il canto, la cucina, le borse decorate e personalizzate da loro stesse, i racconti e le filastrocche e, infine, con una mostra fotografica di alcune delle più belle immagini del coro in concerti, prove e trasferte.
La mostra è stata infatti occasione per premiare i sei fotografi che negli anni hanno testimoniato la bella esperienza del coro attraverso le immagini.

coroI presenti sono stati invitati a partecipare esprimendo la propria opinione come giuria popolare sulle foto esposte. Una giuria professionale, selezionata tra le coriste, ha poi lungamente esaminato le immagini ed ha premiato le due foto più “belle” con buoni libri acquistabili presso la bellissima sede prove del Coroincanto: la Libreria IL MATTONE (via Bresadola 12).
La serata, patrocinata dal “Consulado General de Perù en Roma”, è stata ricca di sorprese a cominciare dall’allestimento molto scenografico e d’effetto per le immagini del concorso fotografico e per le splendide borse con logo e decorazioni prodotte dalle stesse coriste. Raffaela Pinto e Carla d’Andrea si sono occupate dell’allestimento della location, Mentre Annabella Ciardullo (Fotografa artistica e di sfilate di moda), Carla De Muner (Fotografa  e  reporter amatoriale del mondo della coralità) ed Elena Facchin (Insegnante di Arte, è stata per diversi anni collaboratrice di una casa editrice specializzata in libri fotografici) hanno magnificamente giudicato tra le molte bellissime immagini esposte motivando così la loro decisione:

primoPrimo posto, Assegnazione premio. Motivazione della giuria: E’ un’immagine significativa che coglie nella rappresentazione di un muro di sole donne la forza dell’unità del mondo femminile. Una felice inquadratura che sfrutta la drammaticità della luce teatrale.

La foto è stata scattata da Luca De Cecco nel novembre 2014 durante lo spettacolo teatrale “Donne un luogo comune” – realizzato con Artekreativa Serena E Marco (Auditorium Parco della musica)

 

secondaSecondo posto. Assegnazione premio. L’immagine si focalizza sul perno del coro, il maestro, fulcro della coralità, di cui concentra l’espressività teatrale e musicale. L’uso della luce sottolinea la plasticità delle forme e del movimento. La foto è stata scattata da Daniele Ceci nel novembre 2014 durante lo spettacolo teatrale “Donne un luogo comune” – realizzato con Artekreativa Serena E Marco.

 

 

secondoexaequoSecondo Posto ex aequo. La motivazione della giuria: Questa immagine rappresenta perfettamente la felicità nel fare musica e dell’utilizzarla come tramite per condividere le emozioni. Il contrasto del colore su sfondo scuro evidenzia il valore della multiculturalità del nostro coro. La foto è stata scattata da Luca De Cecco nel novembre 2014 durante lo spettacolo teatrale “Donne un luogo comune” – realizzato con Artekreativa Serena E Marco.

 

Il pubblico si è invece così espresso:

fotopubblicoFoto preferita dal pubblico, assegnazione premio. Scattata da Paolo Pablito Torrelli, canto  FENESTA VASCIA  al “Festival ARTErie”, Cantalupo, Rieti , 6 settembre 2014

 

fotoexpreferitadal pubblicoFoto preferita dal pubblico ex aequo. Scattata da Luca De Cecco RITRATTO d’incanto II al “Concerto L. Galeazzi” (Auditorium Parco della musica, 11 maggio 2013)

 

Naturalmente non è mancata la musica del Coroincanto che ha coinvolto come sempre con ritmi e atmosfere esotiche il pubblico, guidandolo alla scoperta di altre civiltà e punti di “ascolto” insoliti per la cultura occidentale. Il nuovo repertorio infatti comprende brani in lingua Aymara (Perù), in Finlandese, e in Sardo antico. Uno dei nuovi pezzi scaturisce invece dalla fantasia della M° Paula Gallardo che ha voluto contemplare la dimensione magica associata alla femminilità inserendo in una cornice ritmica, ottenuta con oggetti d’uso comune, alcune filastrocche e poesie della tradizione regionale italiana in una esecuzione esoterica e misteriosa che ha lasciato il pubblico un pochino perplesso (o spaventato dalle performance streghesche delle coriste?)

Naturalmente volevano scherzare! Ma il pentolone fumante, la risata satanica e le voci stridenti hanno comunque creato una suggestione impressionante… E pensare che i testi erano del tutto innocui, perlopiù scioglilingua e filastrocche in dialetto come:

Ti che te tache i tac      tu che attacchi i tacchi

tacheme i tac a mi       attacca i tacchi a me

mi che te taca i tac      io che ti attacco i tacchi?

tacheti ti i to tac.          Attaccati tu i tuoi tacchi.

(in Veneto)

Il buffet di the, tisane e dolci è stato infine molto apprezzato da tutti, come al solito.

Il prossimo appuntamento con il Coroincanto lo scoprirete visitando il loro accattivante sito web: www.coroincantosenzaconfini.it

La Sposa di Maria Pia

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti