Incendi, Schiuma: Roma va a fuoco ma Raggi è ferma sui bandi per il verde

La nota del capogruppo di Noi con Salvini nel Municipio V
Redazione - 11 Luglio 2017

“Mentre la città va a fuoco e il sindaco Raggi è costretta ad ammettere l’aumento degli incendi, e noi aggiungiamo anche dei roghi tossici, derivanti molto dall’incuria del verde, non abbiamo più notizie dei due bandi, uno riguardante la manutenzione di parchi e giardini (verde “orizzontale”) di 4 milioni, l’altro quella delle alberature che prevedeva un importo di 5 milioni. Da fonti stampa apprendiamo che sarebbe tutto sospeso perchè non conformi alle leggi”.
Lo dichiara in una nota Fabio Sabbatani Schiuma, capogruppo di Noi con Salvini nel Municipio V.
“E poi ancora – continua la nota – un terzo bando, quello che il 1° luglio prevedeva la partenza del monitoraggio e messa in sicurezza di 80mila alberature, per il pronto intervento e la sorveglianza h24 sugli alberi che fiancheggiano le strade e sulle piante del grandi parchi, in Campidoglio, apprendiamo da fonte stampa che sarebbe firmato l’affidamento a nove ditte private per un valore complessivo dell’appalto di 2,2 milioni di euro, spacchettato in nove lotti, ma il decimo lotto, che interessa i municipi IV, V e VI, non sarebbe stato assegnato per mancanza di offerte.
Mentre il Presidente del Municipio V – conclude la nota – Giovanni Boccuzzi non risponde in merito alle interrogazioni del gruppo di Noi con Salvini, il risultato è che la città continua ad aspettare dei bandi centrali per garantire decoro e sicurezza. Il verde, dai parchi agli alberi in strada, versa in condizioni pietose, cadono rami e scoppiano incendi spesso a causa della trascuratezza”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti