Sport  

Incontro tra il patron Thomas Di Benedetto e il sindaco Alemanno

Si è parlato del futuro stadio
di Gianluigi Polcaro - 22 Settembre 2011

Impressioni positive dopo l’incontro di ieri, 21 settembre, tra il patron romanista Thomas Di Benedetto e il sindaco Alemanno.

È stato un colloquio ufficiale sullo stadio. “Mi ha fatto un’ottima impressione, – ha dichiarato il primo cittadino – è determinato e animato da un grande spirito di iniziativa per l’avventura che ha deciso di intraprendere. Lo stadio? Sì, Di Benedetto vuole fare in fretta, è pronto ad affrontare la questione di petto. Mi ha detto che pensa ad un impianto dove chi arriva deve aver paura di giocare per il calore del pubblico. Credo che le prossime saranno settimane di duro lavoro in tal senso; ci sarà un serie di incontri con tutte le parti interessate”.

Il sindaco, dopo che gli è stato ricordato della promessa del sindaco De Magistriis sui brevi tempi per la costruzione dello stadio del Napoli, ha espresso una previsione di accordo entro l’anno. Ha poi aggiunto che tale impegno è stato un punto della sua campagna elettorale. “Il Comune – ha precisato Alemanno – è interessato ad una soluzione positiva, non pensiamo a un costruttore piuttosto che a un altro, ma ad un progetto possibile per la città. Nessun privilegio, saremo trasparenti al massimo, senza sospetti o ipotesi di complotti. Cerchiamo di dare un messaggio positivo, di fare un regalo ai tifosi”.

Il sindaco anche oggi, intervenendo a Centro Suono Sport, ha ribadito la massima trasparenza per il progetto stadio.

All’incontro di ieri era presente anche il consigliere Federico Rocca, Presidente del Roma Club Campidoglio, che ha valutato l’incontro cordiale e positivo. “E’ emersa la volontà di collaborare per la crescita dello sport romano e ovviamente delle squadre che lo rappresentano, in questo caso la Roma. Ciò che mi ha colpito delle parole di Di Benedetto è la volontà di creare un rapporto più intenso tra la squadra e la città, dando vita a forme di partecipazione che vadano oltre le singole partite”. Poi ha aggiunto: “Su queste basi speriamo di poter dar vita a diverse iniziative da poter condividere con l’AS Roma, considerando che già da tre anni il Roma Club Campidoglio ha promosso eventi sociali, di beneficienza, memorial ed eventi sportivi volti a lanciare messaggi di rispetto dei valori sportivi, per lotta al doping, per il fair play tra tifosi".

Di Benedetto, intanto, ha visitato alcuni siti in cui sarebbe possibili edificare lo stadio. Tra questi c’è il terreno di Tor di Valle, nei pressi dell’omonimo ippodromo. Lo spazio è di proprietà dell’imprenditore Parnasi. In tal caso il binomio calcio e ippica replicherebbe quello che già succede a San Siro, dove stadio e ippodromo sono nello stesso sito. Ma, ovviamente, sono ancora tutte ipotesi.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti