Indignati, si fa il conto dei danni

Attivo numero per cittadini danneggiati
Enzo Luciani - 17 Ottobre 2011

Dopo il "sabato di follia" che ha investito la capitale, il Comune di Roma fa il contro dei danni. Un milione e mezzo di euro circa per riparare le strutture pubbliche danneggiate. Se a questo numero si sommano i danni ai privati la cifra sale a 5 milioni. Su indicazione del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il Gabinetto del Sindaco ha istituito, sotto la guida del vicecapo di Gabinetto, dott. Gianmario Nardi, e del direttore dell’Avvocatura Capitolina, avv. Andrea Magnanelli, un apposito numero telefonico al quale potranno rivolgersi tutti i cittadini che hanno subito danneggiamenti durante gli scontri di ieri.Il numero è 06.67104801.

Prorpio questa mattina Roma Capitale ha formalizzato, davanti alla Procura della repubblica presso il Tribunale di Roma, la propria posizione giuridica e processuale di parte civile nei procedimenti penali apertisi a seguito dei gravissimi fatti di sabato. "Roma Capitale – comunica l’Ufficio Stampa del Campidoglio – in attesa della definizione degli interrogatori di garanzia, auspica che l’attività di indagine e le valutazioni giuridiche conseguenti portino a contestazioni che risultino adeguate a stigmatizzare la percezione evidente dei fatti accaduti a Roma: preordinata e voluta devastazione del contesto urbano.

«Domani mattina  – fa sapere l’assessore all’ambiente di Roma Capitale, Marco Visconti – si concluderanno le operazioni di rimozione delle 25 auto bruciate nel corso della manifestazione di sabato scorso. Le squadre dei Pics-decoro della Polizia Roma Capitale, al lavoro dalle ore 7 di questa mattina, hanno avviato le operazioni di identificazione e rimozione dei veicoli dati alle fiamme, coordinando anche gli interventi di pulizia e sanificazione eseguiti da Ama. Intanto, le squadre del decoro hanno già ripulito dalle scritte oltre 3mila metri quadri di superfici murarie, mentre il Servizio giardini ha terminato l’opera di recupero degli arredi verdi».


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti