Infezioni ospedaliere: “Aumentare la sicurezza dei pazienti”

Redazione - 8 Gennaio 2019

“Ogni anno in Italia migliaia di persone, si stima circa 7.000, muoiono per infezioni ospedaliere, dovute principalmente alla decontaminazione non corretta che insorge o durante il ricovero o dopo le dimissioni del paziente. Purtroppo queste complicanze, che al momento dell’ingresso in ospedale o in cliniche di lunga degenza, non erano manifeste né tanto meno in incubazione, costituiscono una complicanza da non sottovalutare, visto che in alcuni casi sono addirittura letali.

“In questi ultimi anni il tema della sicurezza del paziente è divenuto una questione centrale per i servizi sanitari, anche se molti casi rilevati nelle diverse regioni evidenziano delle situazioni al limite che lasciano sgomenti. A questo riguardo stiamo presentando come Fratelli d’Italia nell’ambito del Comune di Roma Capitale, una mozione volta proprio a migliorare questa situazione, allo scopo di mettere in atto insieme alla Regione Lazio che ne è garante, degli adeguati interventi finalizzati a promuovere la qualità dell’assistenza sanitaria, riducendo il rischio di infezioni per i pazienti e gli operatori sanitari.

“Con questo atto chiediamo al Sindaco e agli Assessori competenti di istituire dei tavoli di concertazione tra Roma Capitale, Regione Lazio e tutti gli Enti competenti, per realizzare dei protocolli d’intesa volti ad incentivare la prevenzione delle infezioni ospedaliere presso tutte le strutture sanitarie e case di riposo ubicate sul territorio di Roma Capitale. Chiediamo altresì di realizzare di concerto con la Regione Lazio, un registro delle strutture sanitarie, hospice di lunga degenza e case di riposo, che effettuano programmi di controllo, sorveglianza, protocolli di gestione delle epidemie e procedure per aumentare la sicurezza delle persone ricoverate, degli ambienti e degli operatori sanitari”.

Lo dichiara Francesco Figliomeni, responsabile nazionale Politiche Sociali di Fratelli d’Italia e Vice Presidente dell’Assemblea Capitolina.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti