Iniziati i lavori di smantellamento dell’ex Biblioteca di via Mori, al Pigneto

Enzo Luciani - 18 Gennaio 2012

Sono iniziati il16 gennaio 2012 i lavori per la bonifica dell’amianto dell’ex Biblioteca Pigneto di Via Mori con le sue pareti piene di amianto e posta nel perimetro di quattro scuole. 

 

 

Nel pomeriggio – informa un dettagliato articolo pubblicato sul sito del Conitato di Quartiere Pigneto-Preneste – nel cortile della scuola Enrico Toti, si è tenuto l’incontro, richiesto dall’Associazione Genitori della Scuola con alcuni rappresentanti del Comune e della ditta appaltatrice della demolizione dell’edificio. Erano presenti i rappresentanti del Dipartimento dell’edilizia scolastica del Comune di Roma, dell’Ufficio del Sindaco e della Ditta mandataria, che da ieri, ha dato avvio ai lavori di smantellamento delle parti non contenenti amianto dell’edificio. Questa prima fase durerà circa tre settimane, tempo necessario per togliere il tetto – dove non vi è amianto tranne che nella canna fumaria – e lasciare le pareti esterne – fatte di cemento amianto – nude, pronte per essere smontate da una ditta specializzata; responsabile della corretta esecuzione dei lavori rimarrà comunque la Ditta mandataria.

La rimozione dei pannelli di amianto avverrà, secondo quanto assicurato, durante un weekend dopo l’uscita da scuola dei bambini il venerdì, per concludersi il lunedì mattina quando i pannelli verranno trasportati già impacchettati nell’apposita discarica.

Riguardo alla ipotesi di contaminazione del giardino della scuola e delle aree circostanti durante i lavori, è stato assicurato che non si corrono rischi in quanto tutti i pannelli verranno inertizzati, ricoprendoli di una speciale sostanza protettiva, prima di essere smontati, così da impedire l’eventuale dispersione delle fibre di amianto nell’ambiente.

Durante tutto il periodo dei lavori sarà comunque presente nei pressi della scuola il titolare della ditta, che si è detto disponibile a tenere costantemente informati sull’andamento dei lavori.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti