Intesa Sindaco-Prefetto sulla sicurezza nei Municipi

Gli Osservatori territoriali per la Sicurezza replicheranno nei territori l’assetto del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica coordinandosi con lo stesso

Oggi, 22 novembre 2021 è stato approvato in Giunta il nuovo Protocollo d’Intesa, che nel pomeriggio ha visto la firma del Sindaco Roberto Gualtieri e del Prefetto Matteo Piantedosi.

Viene rilanciata un’esperienza concreta di prossimità in tutti i municipi al fine di coordinare gli interventi di sicurezza pubblica rispetto a fenomeni come gli insediamenti abusivi, le occupazioni di immobili, la prostituzione, lo spaccio di stupefacenti, l’abuso di sostanze alcoliche e i roghi tossici.

Il Protocollo, oltre a rafforzare il collegamento operativo con le singole realtà municipali, rende l’azione degli osservatori territoriali più efficace e inclusiva. Ogni osservatorio sarà presieduto da un dirigente della carriera prefettizia, al fianco del Presidente del Municipio o di un suo rappresentante, dei dirigenti e comandanti delle sedi locali delle varie forze dell’ordine e di un rappresentante del Gabinetto del Sindaco di Roma Capitale.


“Valorizziamo i municipi e rilanciamo l’esperienza degli Osservatori territoriali per la Sicurezza, trasformandoli in un modello di gestione condivisa, rendendoli ancora più inclusivi e calati nella realtà di ogni quartiere – ha commentato il Sindaco di Roma Roberto Gualtieri –. Nessuno meglio di chi amministra, che ha costanti contatti con i cittadini, di chi tutela la sicurezza pubblica e vive quotidianamente nei vari Municipi, conosce le specifiche criticità da affrontare e le esigenze da soddisfare”, ha concluso il primo cittadino.

“Piena soddisfazione per la firma di un accordo che contribuirà a rendere centrale il ruolo dei territori – ha commentato il Prefetto Matteo Piantedosi – su tematiche di particolare complessità e delicatezza che riguardano il tema della sicurezza urbana”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento