Ipab Sant’Alessio, Polverini e Robilotta inaugurano nuovo reparto per anziani non vedenti

Enzo Luciani - 20 Dicembre 2011

La presidente della Regione Lazio Renata Polverini ha fatto visita, il 19 dicembre 2011, all’Istituto per ciechi Sant’Alessio, in viale C. T. Odescalchi, 38, dove ha inaugurato un nuovo reparto di residenza protetta per gli anziani non vedenti, che dal mese di gennaio ospiterà 30 persone attualmente residenti nella struttura del Casale di San Pio V.

Ha inoltre consegnato gli attestati a 30 giovani non vedenti che hanno partecipato al campo estivo. Polverini, accolta dal commissario del Sant’Alessio Donato Robilotta, ha preso parte alla festa inaugurale e natalizia organizzata presso la struttura.
Poco prima il Commissario Robilotta ha premiato, con un attestato di partecipazione, i ragazzi non vedenti che hanno preso parte ai centri estivi organizzati dall’Ipab.

"Stiamo cercando di indirizzare quelle poche risorse che abbiamo a disposizione, – ha detto la presidente Polverini – rivolgendo attenzione ha chi ha più bisogno. Stiamo mettendo in atto una ricognizione dei nostri patrimoni e anche le Ipab lo stanno facendo perchè hanno patrimoni di pregio, spesso frutto di lasciti, fino ad ora non utilizzati e che devono essere impiegati per dare risposte. Dobbiamo metterli a sistema".

"L’obiettivo è quello di portare l’esperienza del centro sant’Alessio – ha detto Robilotta – all’esterno per far conoscere ai cittadini questa realtà. Una realtà diversa da quella che spesso viene rappresentata dalla stampa, in cui tanti giovani insieme agli operatori quotidianamente lavorano per trovare un posto nella società nonostante le difficoltà. Un altro obiettivo, importante – ha concluso Robilotta – è quello di far tornare il sant’Alessio ad essere un centro di eccellenza non solo per il Lazio, ma per tutto il centro Sud".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti