IV municipio, è polemica sulle politiche sociali

Il PD critica il lavoro dell'amministrazione. Filini: "privo di fondamento l'attacco del partito democratico"
di Giulia Ricci - 30 Giugno 2011

In questi giorni il coordinatore del PD del IV municipio Vittorio Pietrasante e il capogruppo Paolo Marchionne hanno criticato il lavoro svolto dalle politiche sociali dell’attuale giunta. "Vi sono stati tagli e chiusura dei servizi sociali – hanno detto – che continuano ad essere parole d’ordine del centro-destra al municipio IV".

"Non è stata fatta riunire commissione per la valutazione delle proposte e soprattutto è del tutto assente il servizio di dimissioni protette per accompagnare e seguire gli anziani che escono dagli ospedali. Dopo proroghe mensili il centro-destra ha deciso di chiudere questi servizi che sono necessari per tutte quelle persone che hanno bisogno di assistenza socio-sanitaria.Da Gennaio fino ad oggi con il servizio delle dimissioni protette sono state curate 37 persone,e appare chiaro come l’intento sia di chiudere i servizi.Mentre Alemanno e Borelli pensano a recuperare il consenso che va sempre più in caduta libera,mentre l’assessore Fillini pensa a risolvere i disagi sociali con cocomerate, la situazione si fa sempre più insostenibile e le fasce più deboli vengono continuamente massacrate".

A queste critica c’è stata la dura risposta proprio dell’assessore ale politiche sociali Fillini:"La faziosità e la mala fede degli esponenti del PD è incommentabile – scrive in un comunicato – pensano di poter puntare il dito contro i cosiddetti "cattivi" e di potersi travestire da supereroi per proteggere i diritti dei più deboli, e sarebbero disposti a tutto anche facendo dichiarazioni prive di ogni fondamento e di veridicà. Il progetto di dimissioni prottette era già scaduto da tempo e prorogato di mese in mese in attesa di riassegnarlo come da avviso pubblico. Secondo quindi quelli che saranno gli interventi di assistenza a tempo degli anziani e previsti dall’ultima scheda dei progetti del piano regolatore sociale approvato dalla delibera del consiglio 20/10/2010. Quindi l’importo complessivo sarà di 5000 euro al mese e i piani di intervento avranno la durata massima di due mesi come in precedenza. Quindi è del tutto priva di fondamento l’affermazione riguardo la chiusura dei servizi sociali delle fascie più deboli,inoltre tutte le spesse saranno affrontate come sempre per permettere a tutti gli anziani di avere i servizi di cui hanno bisogno e i piani di intervento saranno affidati solo alle cooperative più accreditate".

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti