IV Municipio: no al prolungamento della B1 con fondi privati

Enzo Luciani - 28 Settembre 2011

"Nella seduta del Consiglio municipale di oggi (28 settembre 2011 n.d.r.) è stato approvato l’ordine del giorno del Partito Democratico che respinge il progetto di Alemanno e Aurigemma per prolungare la linea metropolitana fino a Porta di Roma, dando sfogo a nuove speculazioni edilizie nel Municipio IV" è quanto dichiara in una nota il capogruppo del Pd del Municipio IV, Paolo Marchionne.

"Mentre ieri l’assessore Aurigemma incassava dai cittadini un secco no all’idea di realizzare il prolungamento della linea metro B1 attraverso nuove migliaia di metri cubi di cemento, oggi il Consiglio municipale ha chiesto che tale opera si realizzi con fondi pubblici, senza dare la stura a nuove speculazioni edilizie. Quanto successo oggi segna il palese imbarazzo dello stesso centrodestra di fronte alle follie di Aurigemma e Alemanno".

E sulla votazione in Consiglio municipale così si è epresso  il consigliere comunale del PD Dario Nanni, vicepresidente della commissione lavori pubblici: "Non posso che condividere la scelta con la quale oggi il consiglio del Municipio IV, si é espresso a favore di un ordine del giorno del Pd affinchè il prolungamento della Metro B1 a Bufalotta avvenga attraverso finanziamenti pubblici. Vale la pena ricordare che l’atto é passato anche grazie all’allontanamento dall’aula di alcuni membri della maggioranza di centrodestra, che hanno così manifestato, come già fatto in altre occasioni, la loro contrarietà circa il progetto proposto dalla Giunta Capitolina. Progetto fortemente voluto dal Sindaco Alemanno e dall’Assessore alla Mobilità Aurigemma che prevedeva valorizzazioni immobiliari e l’uso di una parte dell’housing sociale per finanziare l’opera e quindi cementificando sostanziosamente quella parte della città.  Questa presa di posizione del IV Municipio deve far comprendere al Sindaco che il progetto per il prolungamento della B1 in cambio di cemento non è assolutamente condiviso dai cittadini di quel quadrante. Per queste ragioni – conclude Nanni – sarebbe doveroso ritirarlo e altresì preparare al meglio i progetti delle stazioni di Piazza Conca d’Oro e viale Jonio".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti