IV Municipio: quale accorpamento delle scuole?

Nanni e Cobucci (PD): “chiarezza sul ridimensionamento dei plessi”
di Laura Fedel - 11 Novembre 2011

Il consigliere comunale del Pd Dario Nanni e il vicepresidente del consiglio del IV Municipio Riccardo Corbucci sono sconcertati di fronte al caos creato circa il ridimensionamento dei plessi scolastici del IV Municipio. In una nota riepilogano la cronologia di quanto avvenuto definendo la vicenda incredibile.”Una maggioranza incapace di promuovere una reale partecipazione e di comporre una sintesi fra i vari plessi scolastici è andata completamente in tilt. Ha dapprima votato il 20 ottobre scorso in consiglio municipale un ordine del giorno del Partito Democratico che chiedeva il rinvio di un anno dell’applicazione della Riforma per poi inviare lo stesso giorno, come se nulla fosse accaduto, una delibera di giunta al Comune di Roma con le proprie proposte di accorpamento. Salvo ripensarci una settimana dopo con l’approvazione e l’invio di una nuova delibera, diversa dalla precedente. Una confusione surreale che ha portato il Comune di Roma ad inserire nella propria delibera ufficiale del 31 ottobre 2011 la prima delibera della giunta del IV Municipio, quella del 20 ottobre, disconosciuta una settimana dopo dal Presidente Cristiano Bonelli che, non soddisfatto del caos generato, il 4 novembre ha pure pubblicato su un giornale locale l’elenco sbagliato dei nuovi plessi scolastici nati con l’accorpamento."

I genitori degli alunni delle scuole di Castel Giubileo, Settebagni, Colle Salario e Talenti dopo la protesta per l’informazione non corretta stanno in questo ore raccogliendo migliaia di firme.

"La questione é che – spiegano Nanni e Corbucci – la seconda delibera che Bonelli vorrebbe sostituire alla prima genera molta più insoddisfazione fra le famiglie soprattutto perché divide le scuole di Castel Giubileo e Settebagni storicamente legate da una continuità territoriale e dalla medesima comunità". Lo scontento prosegue in altre zone del IV Municipio dove l’accorpamento forzato di diversi plessi a Talenti (le scuole di via Pintor, via Albertazzi, via Cecco Angiolieri e via Bandello) ha generato le proteste dei genitori che temono un peggioramento della continuità didattica e dell’attenzione che un solo dirigente rischia di non poter dare se é costretto a gestire numerose strutture. "L’assessore alla scuola di Roma Capitale – chiedono Nanni e Corbucci – faccia chiarezza e confermi quale schema di accorpamento per il IV Municipio é stato approvato dalla giunta capitolina. Quello riportato sulla delibera di giunta comunale del 31 ottobre o quello pubblicizzato dall’amministrazione del IV Municipio. E si preoccupi di informare le famiglie e i consigli d’Istituto, risolvendo questo pasticcio"


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti