IV Municipio, una Card con sconti del 20%

Stanziati 50 mila euro per un progetto a tutela del commercio di zona, dell’aggregazione sociale e delle famiglie. Il Presidente del IV Bonelli: è necessario ridare vitalità e socialità al territorio
di Concetta Di Lunardo - 23 Dicembre 2011

Sono 65 mila le piccole attività commerciali presenti nel IV Municipio coinvolte nel progetto voluto dal sindaco Alemanno nell’area più vasta e popolosa della città. Stanziati fondi per 50 mila euro per finanziare un progetto che prevede la distribuzione di una Card che permette d’acquistare prodotti con riduzioni fino al 20% a tutela del commercio locale, dell’aggregazione sociale del territorio nonché delle 110 mila famiglie beneficiarie che da un momento all’altro vedranno arrivare nella buca delle lettere la card con sconti nelle varie attività commerciali del territorio.
E’ il Presidente del Municipio Cristiano Bonelli che racconta del progetto.

Un progetto a tutela del commercio locale per fronteggiare la competitività dei centri commerciali?
Tutelare il piccolo commercio è stato uno degli obiettivi a cui abbiamo lavorato con le migliori energie. In IV Municipio sono 65000 le piccole attività che vanno sostenute non solo in un momento di crisi legato alla competitività dei centri commerciali, ma soprattutto perché è necessario ridare vitalità e socialità al territorio che diversamente rischia di diventare un quartiere dormitorio.

In che modo la tessera Card tutelerà queste attività?
La Card sarà distribuita a tappeto pur senza farne richiesta alle 110 mila famiglie del Municipio che in questo modo potranno usufruire di uno sconto nei piccoli esercizi commerciali del territorio. I cittadini otterranno un aiuto e le attività commerciali riusciranno a ricavarne un rientro economico oltre che movimentare il mercato.. Stiamo prendendo accordi il più possibile vantaggiosi per i cittadini anche con strutture di ristorazione che in alcuni periodi lanceranno sconti fino al 20% sul menù finale per chi volesse pranzare o cenare fuori casa.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti