Categorie: Ambiente Politica
Municipi:

IX Municipio, Canale-Diaco (M5S): “Situazione raccolta rifiuti esplosiva, Gualtieri e Alfonsi abusano della pazienza dei romani”

“La situazione della raccolta rifiuti nel IX Municipio comincia a essere esplosiva. Al tal punto che il coordinamento dei comitati di quartiere del Municipio IX ha comunicato ufficialmente ad Ama Spa, ma anche al sindaco Roberto Gualtieri, all’assessora capitolina al ciclo dei rifiuti Sabrina Alfonsi e ai rispettivi omologhi Titti Di Salvo e Alessandro Lepidini che qualora il servizio di raccolta dei rifiuti non venga ripristinato entro la prima settimana di febbraio sarà class action.

Da Casale Brunori a Fonte Laurentina, da Torrino Mezzocammino a Tor de’ Cenci Spinaceto passando per Decima, Vitinia, Falcognana, Eur Papillo, Cinque Colline e Giuliano Dalmata, tutti i quartieri del IX sono compatti nel richiedere alla municipalizzata dei rifiuti di rispettare il contratto di servizio. Da diversi mesi infatti, come denunciano dal coordinamento, la gestione della raccolta presenta criticità enormi e tali da determinare una situazione di allarme sul piano igienico-sanitario, dovuta principalmente alla grave inosservanza della frequenza degli interventi.

Prima della pandemia nei quartieri serviti dal porta a porta (tutti tranne Spinaceto e Laurentino-Fonte Ostiense) il ritiro era previsto 3 volte a settimana per l’organico, 2 per carta, multimateriale e indifferenziato, una volta per il vetro. Ma, come ricorda il coordinamento Ama ha unilateralmente disposto la modifica del calendario di raccolta a far data dal mese di marzo 2020.

Insomma, il porta a porta viene tagliato ma la tariffa Ama rimane la più salata d’Italia”.

Così in una nota il capogruppo M5S in IX Municipio Carla Canale e il consigliere capitolino e vicepresidente della commissione Ambiente Daniele Diaco (M5S).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati