IX Municipio, petizione contro lo smembramento del territorio

Lo smembramento è previsto dalla proposta “Delimitazione territoriale dei Municipi di Roma Capitale” che dovrà essere votata entro il 10 marzo
Enzo Luciani - 31 Gennaio 2013

Il IX Municipio si mobilità contro la proposta a iniziativa del Presidente della Commissione Speciale sulle Riforme istituzionali per Roma Capitale “Delimitazione territoriale dei Municipi di Roma Capitale”. Il consigliere de La Destra Roberto Fedeli ha promosso una petizione popolare con cui i cittadini esprimeranno la propria contrarietà all’ipotesi di smembramento, la proposta è stata accolta favorevolmente da tutte le forze politiche che sosterranno l’iniziativa

Prosegue la mobilitazione dei cittadini del IX Municipio contro la proposta di smembramento del territorio che dovrà essere votata dall’Assemblea Capitolina entro il 10 marzo. "Dopo aver espresso parere contrario alla proposta e aver chiesto di indire un referendum sull’argomento – dichiara Fedeli –  abbiamo promosso una petizione popolare per dire No allo smembramento del nostro territorio e chiedere che sia mantenuta l’integrità del territorio.   L’unica realtà territoriale ad essere tagliata in due sarebbe il IX Municipio mentre in tutti gli altri casi si procede ad accorpamenti o si mantiene  l’integrità dei vecchi confini. A questo punto, per rafforzare la nostra richiesta, abbiamo deciso di coinvolgere direttamente i cittadini con l’avvio di una petizione popolare. Ho presentato questa iniziativa in consiglio ed è stata subito accolta dal presidente del consiglio municipale Claudio Lombi e quindi da tutte le forze politiche presenti. Predisporremo quindi un atto politico per far sì che i cittadini possano sottoscrivere la petizione anche presso gli uffici del IX Municipio e dare la massima diffusione a questa iniziativa che restituisce dignità al nostro territorio.   Questa vicenda – conclude Fedeli –  non ha visto un coinvolgimento diretto delle realtà cittadine ma è maturata all’interno di complessi giochi e  accordi politici che non possiamo accettare, restituire la parola ai cittadini è l’obiettivo che ci siamo prefissati con questa iniziativa. La petizione può già essere sottoscritta presso la sede del Circolo “Appio Tuscolano” in Via Mirandola 39 (piazza Ragusa) e presto sarà possibile farlo presso sedi politiche, attività commerciali ed uffici.    

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti