Sport  

Juventus- Roma 4-1: figuraccia a Torino

di Marco Maestà - 30 Settembre 2012

La Roma non scende praticamente in campo a Torino e la Juventus già nella prima mezz’ora ipoteca la vittoria con tre sberle da ko. I giustizieri sono Pirlo su punizione, Vidal su rigore ed il redivivo  Matri a cui i giallorossi permettono di tornare al gol dopo ben sette mesi. È così che  la gara si chiude nel primo tempo, con la Roma che attua una tattica suicida in difesa lasciando enormi praterie dove si infilano a turno tutti gli avanti bianconeri. Troppo brutta per essere vera la squadra della capitale ma purtroppo la figuraccia planetaria di questa sera, sarà molto difficile da cancellare.

La gara inizia subito con degli svarioni giallorossi , gli attaccanti bianconeri penetrano con troppa facilità nella burrosa difesa romanista ed all’11’ pt dopo un fallo di Taddei al limite dell’area, Pirlo beffa tutti e batte Stekelenburg su punizione. Anche questa volta il portiere romanista non è esente da colpe, perché prende la rete sul proprio palo. Il film dell’errore-orrore  giallorosso continua e Vidal dopo 5 minuti trasforma su rigore l’ennesima ingenuità romanista. Al 18’pt c’è gloria anche per Matri che non andava a segno da Febbraio, ma che in questa occasione sembra un supereroe che trafigge  la povera vecchietta Stekelenburg rimasta in balia delle onde bianconere. La partita si chiude praticamente dopo venti minuti, perché i tre colpi messi a segno dalla Juve sono quelli che trafiggerebbero chiunque, figurarsi una squadra come la Roma che questa sera è sembrata più un’armata brancaleone che una compagine di serie a. Per la cronaca nel secondo tempo Osvaldo accorcia le distanze anche lui su rigore, ma la gara non sembra mai potersi riaprire e quando Giovinco fissa il risultato definitivo, la figuraccia romanista trova il suo apice. C’è tanto da lavorare sulla sponda capitolina, dall’allenatore all’ultimo giocatore in rosa serve un bel bagno d’umiltà perché così non si può continuare. La Juve invece anche quest’anno sembra la più seria candidata allo scudetto.

JUVENTUS: Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini; Caceres, Vidal, Pirlo, Marchisio (75′ Asamoah), De Ceglie (83′ Pogba); Vucinic, Matri (75′ Giovinco). A disp: Storari, Isla, Lucio, Marrone, Lichtsteiner, Giaccherini, Padoin, Bendtner, Quagliarella All.:Carrera

Farmacia Federico consegna medicine

ROMA: Stekelenburg, Taddei, Burdisso, Castan, Balzaretti (33′ Marquinhos), De Rossi, Tachtsidis (62′ Perrotta), Florenzi; Lamela, Osvaldo, Totti (62′ Destro). A disp: Goicoechea, Svedkauskas, Romagnoli, Piris, Marquinho, Lopez.. All.: Zeman.

Note. Ammoniti: 9′ Taddei (R), 14′ Castan (R), 19 Burdisso (R), 26′ Balzaretti (R), 70′ Matri (J), 80′ Vidal (J), 88′ Vucinic (J). Reti: 10′ Pirlo (J), 15′ Vidal su rigore (J), 18′ Matri (J), 63′ Osvaldo (R), 89′ Giovinco (J). Recupero: 2′ primo tempo, 3′ nel secondo tempo

Arbitro: Rizzoli di Bologna. Assistenti: Faverani e Stefani. IV uomo:Maggiani.

Marcatori: 11′ Pirlo (JUV), 15′ rig.Vidal (JUV), 18′ Matri (JUV), 69′ rig.Osvaldo (ROM), 89′ Giovinvo (JUV)
Ammoniti: 10′ Taddei (ROM), 14′ Castan (ROM), 19′ Burdisso (ROM), 26′ Balzaretti (ROM), 68′ Bonucci (JUV), 70′ Matri (JUV)

JUVENTUS-ROMA, PAGELLE di Gianluigi Polcaro

JUVENTUS

Buffon 6; Barzagli 7, Bonucci 6,5, Chiellini 6; Caceres 6, Vidal 7, Pirlo 8, Marchisio 7,5 (dal 32’ s.t. Asamoah s.v.), De Ceglie 7 (dal 39’ s.t. Pogba s.v.); Matri 7 (dal 31’ s.t. Giovinco 7), Vucinic 6. All. Carrera 7

ROMA
Stekelenburg 5: Responsabile del mal posizionamento della barriera sulla punizione vincente di Pirlo. Si riscatta nella ripresa con parate importanti, ma ormai inutili, dopo un primo tempo con una prestazione incerta e poco reattiva
Taddei 4: Ci mette il solito il cuore, ma di fronte all’aggressività juventina e a compagni di squadra allo sbando, commette errori su errori. Responsabile del fallo su Pirlo, per la punizione del primo gol, nel corso del match è sempre in balia degli attacchi bianconeri
Burdisso 4,5: Non sa bene se arretrare, come il suo istinto da difensore gli comanda, o di avanzare come vuole il credo tattico di Zeman. Risultato un disastro
Castan 5: Meno peggio di Burdisso, ma è infilato almeno una volta a minuto dai giocatori avversari
Balzaretti 4: Gioca con la febbre e si vede. L’unico difensore esterno di ruolo della squadra non può permettersi nemmeno un raffreddore, grazie a una campagna acquisti sconquassata e fatta senza un ordine preciso
De Rossi 4,5 : La prestazione di uno dei pilastri di questa squadra è la dimostrazione di una Roma allo sbando, dai suoi dirigenti in giù. Per capitan futuro solo una gara fiacca fatta di lanci e passaggi sbagliati… tutti.
Tachtsidis 3 : Quante colpe può avere un giovane catapultato nel ruolo più importante dello scacchiere zemaniano? Continuare a mandare allo sbaraglio ragazzi in partite in cui ci vogliono campioni fatti è il risultato di un progetto molto ideale che si sperimenta sulla pelle della Roma e che divora quei talentini che non possono essere considerati ancora uomini, figuriamoci campioni
Florenzi 6: Il migliore in campo. Corre e non butta mai la palla. È lui che, sconfessando ancora una volta la campagna acquisti giallorossa, la nota positiva fino ad oggi, ma Florenzi, lui sì, è frutto del lavoro di anni, svolto con sapienza da Bruno Conti
Lamela 4: Altro giovane che con alti e bassi non riesce ad emergere. Partita tutta buttare stavolta. Passaggi sbagliati, troppo nervosismo e sempre molto male sotto porta
Osvaldo 5,5: Uno dei più mobili della squadra. Non ha molte palle giocabili e segna il rigore per la rete della bandiera
Totti 5: Qualche passaggio illuminante, poi la squadra crolla e lui non trova più nulla da fare e Zeman lo sostituisce
dal 18’ s.t. Destro 5,5: Ci mette quella velocità giusta, ma ormai la partita è compromessa
dal 19’ s.t. Perrotta 5,5: Rispolverato dopo mesi di naftalina cerca di metterci una pezza a centrocampo limitando i danni
dal 34’ s.t. Marquinhos s.v.
All. Zeman 4: Non riesce a trasmettere ai suoi i movimenti e i tagli che lo contraddistinguono. Di certo la società non gli ha dato giocatori adatti al suo modulo, ma lui non riesce a trovare un compromesso

ARBITRO: Rizzoli 5: Diverse sviste in area, soprattutto ai danni della Roma, ma non incide su un match segnato dopo pochi minuti


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti