Sport  

Klose a tutta birra. Lazio-Inter 1-0

Il bomber tedesco decide nel finale una partita vibrante tra due grandi squadre
di Davide Sperati - 16 Dicembre 2012

Alla fine ce l’ha fatta a vincere. Ha dominato per tutto il primo tempo sbattendo sempre sulla muraglia nerazzurra. Nella ripresa ha anche rischiato di perdere, ma alla fine Babbo Natale ha deciso che la Lazio doveva vincere, premiandola soltanto a otto minuti dal termine, grazie a una perla del suo giocatore più forte: Miroslav Klose.
D’altronde sin da subito si erano creati tutti i presupposti per una grande serata di sport con un clima di grande festa allo Stadio Olimpico per via dell’antico gemellaggio tra le due tifoserie. Striscioni e cori di amicizia da ambo le parti, fanno da cornice a questa splendida serata di sport. Presenti circa quarantasettemila spettatori in una Roma non più fredda come i giorni scorsi.

Affollata anche la Tribuna Autorità. Su tutti spiccano le presenze del Ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri (chissà per quale squadra tiferà?). Poi ancora i lazialissimi Gigi Marzullo e Juan Sebastiàn Veron, storico giocatore del secondo scudetto biancoceleste. In rappresentanza del tifo milanese Bedy Moratti e Paolo Bonolis.
Primo tempo tutto di marca laziale fino ai sedici metri, misura che delimita l’area di rigore, mai oltrepassata in modo serio dagli uomini di Vladimir Petkovic. Tanta corsa, tanti schemi ma nulla più, se non qualche mischia sbrogliata alla meno peggio da Ranocchia e compagni. Dal canto suo, l’Inter non varca quasi mai la linea della trequarti e con un centrocampo di corridori, non riesce quasi mai a confezionare qualche palla giocabile per Milito e Cassano.

L’unico episodio da annotare è il presunto rigore, apparso evidente ai più (smentito poi dalla moviola), causato da Pereira ai danni di Klose lanciato a rete sul finire di tempo. Tra l’altro il direttore di gara neanche sanziona con l’ammonizione l’attaccante tedesco e allora non si capisce bene perché Mazzoleni non intervenga in nessuno dei casi.

Nella ripresa la partita è più equilibrata e nella fase centrale è tutta di marca interista. Guarin al 66′ colpisce un gran palo con Marchetti ormai battuto. La partita è molto bella ed equilibrata e l’infortunio di Cambiasso al 60′ per Palacio la rende sicuramente più vibrante.

Mazzoleni fischia poco e male, e sugli spalti non ci si annoia di certo. L’Inter col tridente è più pericolosa ma anche più sfortunata, perché con Cassano coglie ancora un palo 71′. Il suo piattone angolato, beffa Marchetti che devia sul palo, la palla sbatte su Nagatomo che però non realizza in rete.

La Lazio rifiata e al 78′ Gonzalez pesca Klose solo in area, ma l’aggancio del campione tedesco è sbagliato e la Lazio sciupa così un’occasione gigante. I romani ci credono e riescono a risalire la china ma Klose non è in serata e dopo due minuti spreca ancora inciampando sul terreno di gioco al momento del tiro.

La partita così sembra finire sul risultato di parità, ma quando meno te lo aspetti ecco il goal della vittoria laziale: Mauri (non in formissima stasera), lancia in verticale Klose che, stretto tra Samuel e Pereira, riesce a imbucarsi e calciare un diagonale perfetto su cui Handanovic non può arrivare. Anche la Madonnina di Monte Mario avrà sentito il boato dell’Olimpico.

Dopo il goal subito Stramaccioni inserisce subito Coutinho per Pereira e Petkovic non si fa problemi a gettare nella mischia Dias per Hernanes. Ma ormai il tempo è poco e il destino ha già emesso il suo verdetto. Alla Lazio il big-match della diciasettesima giornata.

Lazio
Marchetti 6. Tutto bene tranne sul tiro di Cassano.
Konko 6. Soffre un po’ Cassano ma ci può stare.
Biava 7,5. Biavinho è impeccabile.
Ciani 7,5. Anche lui perfetto. Al 14′ va anche al tiro. Dias farà fatica a tornare titolare.
Radu 6,5. Con lui la Lazio è sigillata.
Ledesma 7. Sta bene e si vede sin da subito.
Lulic 6. Torna titolare e la sufficienza se la merita. (Dal 63′ Candreva 6. Dà il cambio al compagno).
Gonzalez 6,5. Tanta corsa, tanto lavoro sporco.
Hernanes 5. Cerca spesso la bomba da fuori ma senza precisione. (Dal 86′ Dias sv).
Mauri 6,5. Dopo un assist del genere come si fa a non meritare un voto in più?
Klose 6,5. Sbaglia tutto fino all’ottantaduesimo. (Dal 84′ Floccari sv).

Inter
Handanovic 6,5
Nagatomo 6,5
Ranocchia 6,5
Samuel 5,5
Pereira 5 (Dal 85′ Coutinho sv)
Zanetti 6
Gargano 5
Cambiasso 6 (Dal 59′ Palacio 6,5)
Guarin 6,5
Cassano 6
Milito 5,5

Arbitro
Mazzoleni di Bergamo 5 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti