“La Cervelletta va riaperta non murata”

Coordinamento Salviamo la Cervelletta: Le prossime ventiquattro ore segneranno il suo destino
Redazione - 22 Maggio 2019
Abitare A Speciale

In queste ore si decidono le sorti del Casale e Parco della Cervelletta. C’è un clima di forte preoccupazione per quanto sarà deciso oggi pomeriggio in Campidoglio durante la riunione della IV Commissione Cultura, e per quanto accadrà domani nell’area del Casale.

Una nutrita rappresentanza del Coordinamento Salviamo la Cervelletta in questo momento è in presidio in Campidoglio in attesa degli sviluppi che determineranno la partecipazione del Comune di Roma al bando del FAI – Fondo Ambiente Italiano per approfittare dei finanziamenti riconosciuti grazie alle oltre 14.000 firme raccolte nel 2018 a sostegno del recupero e restauro del nostro polo monumentale.

Anche domani 23 maggio sarà un giorno importante infatti alle 9.00 è prevista la messa in sicurezza con la chiusura degli ingressi della Cervelletta, e ciò che preoccupa sarà la stessa modalità di chiusura, perché sembra sia prevista la muratura del Portale.

Un metodo non consono sicuramente allo stato in cui versa il casale in questo momento.
La Cervelletta va riaperta non murata è l’appello lanciato dal Coordinamento Uniti per la Cervelletta e domani mattina tutti invitati al presidio per la tutela del Casale.

Venerdì 24 alle ore 15 sopralluogo del presidente Di Roma Natura M. Gubbiotti al quale va richiesto che venga rispettato l’impegno per attrezzare lo stradello via Spataro – Cervelletta. Infatti va sanato, organizzato, illuminato, rispettando i patti.


Commenti

  Commenti: 1


  1. Anni di incapacità, disinteresse, incompetenza, assoluta voglia di non mettere mano a qualcosa che richiedeva lavoro, dedizione, studio e in ultimo finanziamenti.
    Le associazioni che se ne sono occupate nel corso di questi anni uniche benemerite in una città che assomiglia più alla suburra della serie tv che alla capitale d’italia.
    In qualunque altro paese europeo questa testimonianza storica sarebbe stata l’inizio di un recupero del territorio circostante. Grazie agli ultimi 30 anni di politica comunale e regionale e a buon rendere. i cittadini di tor sapienza pensanti se ne ricorderanno.

Commenti