‘La crusca e il grano…’ e la grana

Una precisazione di Paolo Belardinelli
Riceviamo e volentieri pubblichiamo - 27 Ottobre 2011

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la precisazione al nostro articolo "La crusca e il grano".

Gentile sig. Luciani,
L’8 settembre scorso il Ministro per i Beni e le Attività Culturali ha approvato il nuovo statuto dell’Accademia della Crusca. La redazione di un nuovo statuto era stata richiesta proprio dagli enti vigilanti (MIBAC. MEF e Corte dei Conti).
Lo statuto precisa soltanto la natura giuridica dell’ente, non dà nessuna sicurezza su fondi futuri e, purtroppo, non stanzia nessun tipo di fondo per l’Accademia.
L’ampliamento del numero degli accademici è previsto nel nuovo statuto e non è una decisione successiva.
Gli accademici non possono essere definiti corpo docente, dato che l’accademia in sé non tiene delle lezioni. Gli accademici, a partire dalla Presidente, non ricevono nessun tipo di compenso per il loro lavoro che viene svolto a titolo gratuito.

Per maggiori informazioni e per conoscere quali siano i nostri progetti di studio e di promozione della lingua italiana, può consultare il nostro sito web www.accademiadellacrusca.it.

Cordialmente
Paolo Belardinelli


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti