La fermata bus di via del Plebiscito è ancora ‘desaparecida’

Enzo Luciani - 31 Dicembre 2011

Il presidente dell’Associazione Diritti Pedoni, Vito De Russis ha chiesto al Sindaco (in qualità di Commissario alla Mobilità), al Prefetto, al Presidente dell’Atac e al Comandante deI Vigili Urbani un incontro per sollecitare  il ripristino della fermata bus di via del Plabiscito.

"La fermata in oggetto, – scrive De Russis – scomparsa–deseparecida da 2 anni (28.12.2009), non è stata ancora restituita ai legittimi aventi diritto; cioè, non è ritornata a soddisfare i bisogni di tutte le persone (romani, italiani, europei e mondiali) che da 2 anni acquistano i titoli di viaggio del TPL di Roma. Non vi è alcun dubbio che, tutte le persone che posseggono il regolare titolo di viaggio del TPL, acquisiscono i diritti ad ottenere dai gestori di quel TPL un trattamento “civile ed umano” insieme ad un “servizio”. E, come è noto, il TPL romano è molto carente per tanti motivi. Non è un caso che, dall’agosto del 2006, i Capi dei Governi che si sono succeduti, hanno riconosciuto l’esistenza a Roma dell’emergenza traffico e mobilità (DPCM 4.8.2006) e, con l’OPCM n. 3543 del 26.9.2006 e succ., hanno istituito e consolidato il “Commissario delegato alla emergenza traffico e mobilità” nella persona del Sindaco di Roma p.t.. Quell’emergenza che non viene aggredita e sconfitta; e quella fermata che non ritorna ai cittadini aventi diritto, cosa vogliono dimostrare? Possibile che non riusciamo a far capire che, per la mobilità a Roma, la fermata del TPL di Roma, via del Plebiscito è fondamentale e vitale? (fermano 18 linee, diurne e notturne). Possibile che non riusciamo a far capire i molti problemi civili, sociali e morali (materiali e di immagine) che quella scomparsa ha creato (e continua a creare) ai cittadini residenti e di passaggio (italiani e stranieri), nonchè alla stessa immagine della città di Roma Capitale?"

"Di sicuro,- conclude De Russis – noi non comprendiamo questo perseverare nel non ritornare alla normalità. Sono evidenti gli sforzi di cambiamento che si stanno compiendo nel campo politico italiano, apprezzati a livello internazionale. E, non può essere la scomparsa–deseparecida di quella fermata del TPL, anche se molto importante, a perpetuare il progetto, totalmente fallito, di trasformare via del Plebiscito in una little piazzetta Venezia privata."


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti