Sport  

La nuova Roma di Friedkin: su chi punterà?

Calciomercato Roma: Olsen, Fazio, Santon, Juan Jesus, Florenzi, Coric, Perotti, Diawara, Pastore, Under e Kluivert compongono la lunga lista dei "sacrificabili"
Redazione - 11 Settembre 2020

Da qualche settimana è iniziata ufficialmente una nuova avventura per la Roma che è passata nelle mani del milionario statunitense Friedkin. Un’operazione che ha visto il nuovo proprietario della Roma sborsare circa 600 milioni di euro per diventare il presidente della squadra capitolina.
Embed from Getty Images
Nato nel 1965, Dan Friedkin, ormai nuovo numero uno della Roma, ad oggi secondo Forbes detiene un patrimonio di 4,1 miliardi di dollari, e ricopre il 187esimo posto nella Forbes 400, la classifica degli americani più ricchi, e il 590 esimo nella classifica dei miliardari nel mondo del 2020.

Dan Friedkin è il proprietario di Gulf States Toyota, una società che ha licenza per vendere le auto Toyota in Texas, Arkansas, Louisiana, Mississippi and Oklahoma: nel 2018 ha venduto veicoli per un valore di 9 miliardi di dollari.
Friedkin ha ereditato la società da suo padre Thomas, che l’aveva fondata nel 1967.
Il magnate americano ha inoltre investito nella società di hotellerie di lusso Auberge Resorts, che ha proprietà ad Aspen e Cabo San Lucas.

Friedkin è attivo anche nel campo cinematografico. Il suo studio di produzione ha realizzato il film del 2017 “Tutti i soldi nel mondo” sul rapimento del nipote del magnate del petrolio J. Paul Getty. Friedkin ha diretto anche il suo primo film, “Lyrebird”, presentato in anteprima al Telluride Film Festival nell’agosto 2019.

Il nuovo corso americano

Dopo la parentesi targata James Pallotta, i tifosi della Roma sognano un presente ed un futuro ad alti livelli grazie al neo presidente.

Alla guida tecnica dei giallorossi ci sarà ancora il tecnico portoghese Paulo Fonseca che ha chiesto alla nuova proprietà uno sforzo sul mercato per costruire una rosa in grado di competere con tutti.
Al momento gli esperti di quote sulla Serie A di starcasino.it posizionano la Roma subito dietro le pretendenti al titolo, ossia Juventus, Inter e Napoli.

Calciomercato Roma

L’obiettivo numero uno per la difesa della Roma è sempre quello di riportare in giallorosso Chris Smalling.

Il difensore inglese classe 1989 ha vissuto un’ottima stagione in Italia, prima di rientrare al Manchester United dopo la scadenza del prestito.

La Roma sta provando ora a prenderlo a titolo definitivo e ha già trovato l’intesa sul contratto per l’anno prossimo con il giocatore, che proseguirebbe volentieri la sua avventura in Serie A.

Il club giallorosso sta ora provando a stringere con il Manchester United per definire la trattativa. A fargli spazio potrebbe essere Federico Fazio. Il difensore argentino, infatti, è sempre più vicino al Cagliari, dove riabbraccerà Eusebio Di Francesco.

Partirà anche Rick Karsdorp, rientrato dal prestito al Feyenoord: l’esterno olandese classe 1995 è vicino al Genoa dopo che è saltata la trattativa per il suo trasferimento all’Atalanta.

Sul fronte uscite dopo Kolarov e Schick, ceduti rispettivamente a Inter e Bayer Leverkusen, restano sul taccuino dei sacrificabili anche i vari Olsen, il già citato Fazio, Santon, Juan Jesus, Florenzi, Coric, Perotti, Diawara, Pastore, Under e Kluivert, che messi assieme pesano per oltre 60 milioni di euro sulle casse della Roma.
Oltre a portare benefici sui conti del club nel prossimo bilancio, i loro addii creerebbero le premesse per l’arrivo di quelle pedine richieste da Fonseca per completare l’organico.

Ma la nuova rottura del crociato anteriore del ginocchio sinistro di Zaniolo e il susseguente stop di almeno 6 mesi può indirizzare in maniera diversa le strategie di rafforzamento della Roma, che si ritroverà per diverso tempo senza una risorsa troppo preziosa a livello tecnico e carismatico.
In tal senso, sarebbe quanto mai delittuoso cedere alla corte del Napoli per Jordan Veretout, elemento imprescindibile e insostituibile del centrocampo: il muro eretto nelle scorse settimane di fronte alle insistenze di De Laurentiis potrebbe essere ulteriormente elevato.

Con gli azzurri, resta in ballo poi la vicenda Under e lo scambio con Milik, non andato in porto fino ad oggi a causa delle eccessive pretese da parte del Napoli a livello di conguaglio economico. La versatilità tattica del turco e la possibilità di schierarlo come uno dei due trequartisti alle spalle della punta potrebbe anche suggerire delle riflessioni sul suo futuro.

Attenzione poi alla situazione legata a Dzeko.
Il calciatore bosniaco non sta premendo affatto per essere ceduto, ma è conscio delle difficoltà economiche della Roma e del desiderio di “liberarsi” dei suoi quasi 30 milioni di euro lordi di ingaggio per le prossime due stagioni.

Un suo addio imporrebbe l’obbligo di trovare un calciatore in grado di non farlo rimpiangere sotto l’aspetto tecnico, missione tutt’altro che semplice e attualmente collegata alla possibilità di sbloccare l’operazione Milik.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti