La nuova rotatoria di Piazzale delle Province

Una nuova Ati è subentrata nell'appalto. I lavori dureranno circa due mesi
di Serenella Napolitano - 6 Ottobre 2012

Il 4 ottobre sono ripresi i lavori, che dureranno circa due mesi, per la realizzazione della nuova rotatoria di piazzale delle Provincie, finalizzati al miglioramento del sistema di circolazione, favorendo – in primo luogo – la messa in sicurezza delle intersezioni stradali, dei percorsi e degli attraversamenti pedonali.
I lavori hanno subito una lunga battuta d’arresto a causa del fallimento di una delle imprese dell’Ati che aveva vinto l’appalto per eseguire i lavori.

Solo in queste settimane la situazione, piuttosto complessa per le implicazioni di natura legale che ne sono derivate, si è definitivamente sbloccata, consentendo l’inizio dei lavori che hanno già avuto anche un periodo di sperimentazione nel maggio del 2011. All’appalto è subentrata un’altra Ati il 21 settembre scorso. Il progetto iniziale è stato modificato in accordo con l’Amministrazione capitolina, il Dipartimento VII e l’assessorato alle politiche della Mobilità.

Verranno riqualificati i marciapiedi esistenti, eliminate le barriere architettoniche, si consentirà una fluidificazione del traffico e la riorganizzazione della sosta.

Il progetto prevede la riorganizzazione degli spazi carrabili e pedonali, la riconformazione della rotatoria e l’ottimizzazione delle aree di sosta per i veicoli a due ruote che oggi parcheggiano in modo casuale in spazi di risulta.

Ci sará una nuova segnaletica orizzontale, ad oggi peraltro insufficiente, in modo da incanalare i veicoli in ingresso alla rotatoria.

La soluzione definitiva, emersa dai diversi incontri, ha previsto una ridefinizione di queste isole spartitraffico che, considerate dai residenti eccessivamente grandi, sono state ridotte e in taluni casi trasformate in semplici segnalazioni a terra.

Nella nuova soluzione progettuale, elaborata da Agenzia per la Mobilità, si è tenuto conto anche di alcune esigenze puntuali manifestate dal Municipio e non previste nel progetto originale, quali per esempio la riprofilatura del marciapiede sulla corsia di uscita dalla piazza e diretta verso piazza Bologna e la realizzazione di uno spazio nel marciapiede stesso per la collocazione dei cassonetti AMA, attualmente collocati sopra il marciapiede, lato viale della Lega Lombarda.

Il progetto dunque prevede l’allargamento e nuova pavimentazione del marciapiede compreso tra viale della Lega Lombarda e viale delle Provincie. Sempre in questo tratto, in particolare di fronte al citato marciapiede, realizzazione di un cordolo per separazione dei flussi veicolari provenienti da viale delle Provincie e diretti su viale della Lega Lombarda; la realizzazione di nuovi parcheggi per veicoli a due ruote con cordolo di protezione sulle aree antistanti viale delle Provincie (direzione Verano e in direzione piazza Bologna) e viale Ippocrate; nuova pavimentazione dei marciapiedi all’intersezione tra piazzale delle Provincie e viale Ippocrate.

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti