La politica delle porte girevoli nel parlamentino del V municipio

Alessandro Moriconi - 21 Maggio 2020

In punta di piedi, come del resto era già accaduto per la scelta di passare dal Gruppo del M5S a quello della Lega di Matteo Salvini, la consigliera del V municipio Chiara Tacchia ha deciso di tornare a ritroso sui suoi passi.

Due righe asettiche e il rientro a casa è gioco fatto, senza fornire motivazioni o altro.

Per quanto si voglia essere moderni e disinvolti questa politica del toccata e fuga, dei dibattiti su atti spesso con interventi a monosillabi è decisamente senza senso e seconda anche a quei coloriti dibattiti delle riunioni condominiali.

Forse questo rientro, a giudicare anche dalle altre due righe di accettazione da parte del Capogruppo del M5S, va inquadrato nella prossima tornata elettorale del giugno 2021.

Comunque, pur rispettando le decisioni individuali, alla politica delle porte girevoli preferiamo quella delle idealità  “de ‘na vorta“!

 

Richiesta Consigliera Chiara tacchia adesione al gruppo Consigliare del Movimento 5 Stelle

 

Risposta del capogruppo del Movimento 5 Stelle alla richiesta di Adesione al medesimo gruppo Consigliare della Consigliera Chiara Tacchia


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti