Dar Ciriola asporto

La seduta del consiglio Municipio V del 17 settembre

Mozioni per migliorare il posizionamento dei cassonetti Ama ed il Pd inizia la stagione politica locale occupandosi delle illuminazioni nei cimiteri
di A.M. - 18 Settembre 2013

Nella seduta del 17 settembre il consiglio del Municipio Roma V ha approvato all’unanimità due mozioni. La prima presentata dal prolifico consigliere Fabrizio Ferretti riguardava una rimodulazione nella sistemazione dei cassonetti per i rifiuti dell’AmA Spa e la relativa segnaletica orizzontale per evitare che ignoti li spostino in continuazione, fino anche a posizionarli su strisce pedonali o davanti passi carrabili o peggio ancora in stalli riservati alla sosta dei mezzi pubblici.
La seconda invece sui servizi cimiteriali presentata dai consiglieri Intino, De Angelis e Pietrosanti.

Fabrizio Ferretti

Fabrizio Ferretti

Cassonetto Ama sulle strisce a Tor Tre Teste

Cassonetto Ama sulle strisce a Tor Tre Teste

Molti gli interventi sulla questione che si sono succeduti dopo una dettagliata relazione da parte del proponente Ferretti del Centro Democratico.

Sottolineiamo in particolare quella del presidente Palmieri il quale pur d’accordo con la mozione si è soffermato sul fatto che nel campo dei rifiuti siamo attualmente in una fase intermedia, dove a parte i traguardi eccellenti raggiunti in alcuni comuni d’Italia che hanno fatto della raccolta e del trattamento del rifiuto un business, per Roma e Ama Spa è significato solo perdite milionarie e mala gestione a tutto tondo e business per pochi, quelli delle discariche, per esempio. E con un “ci attendiamo progetti per la raccolta differenziata porta a porta spinta e l’avvio del progetto il cui traguardo è quello dei rifiuti zero”, ha concluso il suo intervento.

Angelo Callocchia

Angelo Callocchia

Callocchia capogruppo del Pd, intervenendo come presidente della Commissione Ambiente ha dichiarato che convocherà a breve una conferenza di servizio con Ama Spa per trattare e trovare soluzioni al problema indicato nella mozione.

Al dibattito sono intervenuti anche altri consiglieri ma nessuno di questi ha posto l’accento sul fatto che il Contratto di Servizio, unico strumento che regola le attività dell’Ama Spa risale nientepopodimeno che all’anno 2003 e che di proroga in proroga è arrivato al 31 dicembre 2011. Tra l’altro in quella delibera di Giunta approvata da Alemanno fu dichiarata l’inammissibilità ad effettuare ulteriore proroghe. Ma la non rielezione a Sindaco di Roma o forse i problemi economici e giudiziari dell’Azienda, glielo hanno impedito.

Adotta Abitare A
Antonio Pietrosanti

Antonio Pietrosanti

Si è poi passati alla seconda mozione presentata dai Consiglieri Intino, De Angelis e Pietrosanti, tutti del Pd. Una mozione tesa a modificare sia il pagamento e sia il servizio erogato dalle aziende distributrici di energia elettrica in fatto di illuminazione perpetua nei Cimiteri sia romani che dell’hinterland (Trigoria, Fiumicino, Castel di Guido, S. Vittorino, ecc), una materia questa, di competenza dipartimentale.

Diciamo subito che il lavoro del relatore, il cons. Intino, è stato encomiabile, fatto anche di corsi e ricorsi storici su tutti i cimiteri romani e non solo.
L’obiettivo è di offrire l’illuminazione votiva a tutti i loculi e a tutte le cappelle. Non è giusto ha sostenuto Intino, che categorie meno abbienti o defunti tumulati da decenni e che vivono un evidente stato di abbandono non debbono avere davanti alla lapide una luminaria il cui costo di mantenimento, secondo i proponenti della mozione, deve essere a carico del comune e finanziato attraverso una piccolissima quota da attingere dalla prossima tassa sui servizi.

Luca Arioli

Luca Arioli

Anche in questo caso dopo un’ampia discussione la Mozione è stata approvata all’unanimità con la sola astensione di Arioli.

Non poteva sfuggire che questa sull’illuminazione dei loculi e cappelle funerarie è il primo atto presentato dal Pd del Municipio Roma V, quasi avesse avuto dalla conferenza dei capogruppo un canale preferenziale e d’urgenza visto che dai vari gruppi sono state depositate risoluzioni e delibere di indirizzo che riguardano tematiche di interesse Municipale. Proposte che vanno dalla manutenzione attraverso l’adozione di giardini, rotonde e piccole aree verdi alla scelta della sede per quanto concerne la Presidenza e i componenti della Giunta, altre ancora alla mobilità attraverso il mezzo pubblico e alla messa in sicurezza di alcune strade. Di queste però non è dato sapere quando andranno in aula per essere discusse.
Per il momento quindi, e il Consigliere Intino non ce ne voglia, il consiglio, per scelta dei capogruppo, ha preferito parlare e dare giustamente la precedenza ai defunti.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti