La sindaca Raggi promette Roma pulita entro l’anno

Riutilizzate green machine ferme in deposito dal 2013
Vania Garzillo - 24 Luglio 2017

Dopo la scoperta delle green machine la sindaca Raggi promette Roma Pulita entro l’anno, risultati visibili potranno vedersi già nei prossimi mesi. Sono state trovate circa 70 macchine pulitrici ferme in deposito dal 2013 e che ora il Campidoglio vuole utilizzare per pulire marciapiedi e aree pedonali.

Le spazzatrici a conduzione manuale verranno rimesse in funzione dalla municipalizzata guidata da Lorenzo Bagnacani. Lunedì 24 luglio si parte con i primi due itinerari, Trevi e Ostia Ponente, a cui se ne aggiungeranno altri 16 entro il 18 settembre, per un totale di 50 vie coinvolte. Ma la sindaca avverte i romani: “Questo non vuol dire che si possono buttare carte e cicche per terra, Ama deve migliorare il servizio ma chiediamo che anche i cittadini facciano la loro parte”.

Permettono di pulire, spiega in una nota Ama, “ampi spazi all’aperto con un singolo operatore”. Nelle loro spazzole rotanti dovrebbero finire principalmente tutti quei rifiuti spesso accumulati ai lati dei marciapiedi che vengono spesso presi a simbolo del ‘degrado cittadino’: mozziconi di sigarette, deiezioni canine, foglie e volantini. Questi macchinari sono inoltre dotati di “ventole di compattazione che riducono foglie e altri rifiuti ad un terzo della dimensione consentendo una maggiore produttività. Sono inoltre presenti un impianto di abbattimento delle polveri, spruzzatori d’acqua collocati sulle spazzole rotanti, un contenitore da 120 litri per i detriti/rifiuti”.

Il ritrovamento delle green machine ha lasciato tutti perplessi. Scandaloso che siano state abbandonate in deposito da così tanti anni.

Le 70 ‘Green machine’ erano infatti state acquistate nel 2009 per un costo complessivo di circa 2 milioni di euro, 30 mila euro per ognuna, ma sono rimaste in azione solo fino al 2013 quando, “con il cambio del modello di servizio di igiene urbana, sono state abbandonate in diversi depositi Ama”. La Raggi sostiene che continuerà il riutilizzo delle risorse Ama che possono fornire un aiuto importante.

Mentre, per ridurre i potenziali scarti dei mercati, ad esempio, l’obiettivo del Campidoglio è quello di destinare gli alimenti invenduti ad iniziative benefiche prevedendo riduzioni della tassa sui rifiuti per gli operatori che aderiscono. Sul fronte del verde urbano, dove il sotto organico stimato è oltre il 50% solo nel 2017 l’amministrazione prevede 30 nuove assunzioni di giardinieri.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti