L’Ama partecipa a MoTechEco: l’impegno dell’Azienda per la mobilità ecosostenibile

Enzo Luciani - 8 Maggio 2012

L’Ama partecipa a “MOTechEco”, V Salone della Mobilità Sostenibile, in programma presso l’Aranciera di San Sisto dall’8 al 10 maggio 2012.
Questa mattina, giornata inaugurale, 2 eco-informatori hanno tenuto lezioni e laboratori sui temi della raccolta differenziata e della sostenibilità ambientale agli studenti in visita. Per tutta la durata dell’evento saranno esposti 3 mezzi ecosostenibili: 1 spazzatrice aspirante elettrica da 1 mc, 1 mezzo a vasca a trazione elettrica e 1 compattatore scarrabile da 22 mc ad alimentazione fotovoltaica per la raccolta differenziata dei rifiuti.

Per il Presidente dell’Ama, Piergiorgio Benvenuti, che ha partecipato alla tavola rotonda “Il manifesto della sostenibilità ambientale: i progetti delle aziende partner per Roma Capitale” “la presenza di Ama è volta a sottolineare il forte impegno dell’Azienda sul tema della mobilità ecosostenibile, in conformità alle scelte strategiche dell’attuale Amministrazione di Roma Capitale. La più grande azienda italiana che si occupa di igiene urbana – prosegue Benvenuti – non può essere insensibile al problema dell’inquinamento atmosferico e all’abbattimento delle polveri sottili. Si tratta di una sfida importante, che vede già impiegati per la pulizia e il decoro della Capitale d’Italia circa 100 mezzi elettrici, quindi a emissioni “zero”. Dato questo – conclude Benvenuti – che testimonia concretamente l’attenzione di Ama per la salvaguardia dell’ambiente.”

A partire dal 2009, Ama ha intrapreso numerose azioni nella gestione del parco mezzi per limitare le emissioni di CO2 nell’atmosfera. Innanzitutto, è stato rinnovato oltre il 30% del parco veicoli. Circa il 27% dei mezzi utilizzati in precedenza era costituito da veicoli obsoleti e dunque poco efficienti dal punto di vista operativo e più inquinanti.

La flotta aziendale in servizio quotidianamente sul territorio cittadino, inoltre, conta attualmente su 161 mezzi a basso impatto ambientale, dei quali il 61% elettrici e quindi a emissioni “zero”. Questi i veicoli: 73 mezzi a vasca a trazione elettrica; 20 autocompattatori alimentati a metano; 20 spazzatrici meccanizzate alimentate a metano; 15 autocarri con vasca ribaltabile alimentati a metano; 12 Spazzatrici aspiranti da 1 mc elettriche; 8 quadricicli a trazione elettrica che operano all’interno dei cimiteri capitolini; 7 quadricicli a trazione ibrida (elettrica e benzina) per le verifiche territoriali; 6 compattatori scarrabili da 22 mc. elettrici ad alimentazione fotovoltaica.

A questi mezzi vanno aggiunte 132 Fiat Panda alimentate a metano con filtro antiparticolato assegnate alle singole sedi di zona, oltre che alla sede direzionale. Queste autovetture, utilizzate per la mobilità dei dipendenti, sono andate a sostituire un parco auto costituito da veicoli obsoleti riducendo così del 36% le emissioni annuali di CO2 e del 60% le emissioni di particolato.

Ma non solo, nel piano investimenti per il 2013, l’Ama prevede di dotarsi di ulteriori 79 mezzi a basso impatto ambientale, a integrazione del parco disponibile.
Nello specifico:  40 autocarri leggeri doppia alimentazione (benzina e GPL) per il Centro Storico; · 35 vetture doppia alimentazione (benzina e metano) per il trasporto del personale; · 4 compattatori scarrabili medi (10 mc) elettrici ad alimentazione fotovoltaica.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti