Sport  

Lazio che spettacolo

E' prima in classifica grazie alla vittoria contro il Parma
di Davide Sperati - 6 Novembre 2011

La Lazio è prima. Questa è la notizia più importante dell’odierna giornata calcistica.

Insieme all’Udinese guida il campionato anche in virtù del fatto che Juve-Napoli non si è potuta disputare per il maltempo che ha colpito la città campana. Una vittoria dedicata a Gabriele Sandri e alla sua fondazione oggi presente sulle maglie dei biancocelesti per ricordarne il triste anniversario.

Una vittoria sofferta me tutto sommato meritata anche se, dopo appena 36 secondi di gioco la Lazio rischiava come al solito di subire il goal in apertura. Bravo Diakitè a salvare sulla linea.
La prima vera occasione della Lazio capita al minuto venti sulla testa di Cissè che, neanche a dirlo, sbaglia in maniera vistosa sul calcio d’angolo battuto egregiamente da Hernanes. Poi ancora Lazio al 24′, ancora con Cissè e ancora un’occasione ghiotta sprecata: Konko dalla destra tira maldestramente, servendo in modo involontario il francese che davanti alla porta non riesce ad agganciare la palla del vantaggio capitolino.
La Lazio col tempo prende le misure alla formazione emiliana e nel giro di due minuti colleziona ben due palle goal. Prima Hernanes al 28′ obbliga Mirante a deviare in angolo una sua punizione angolata e poi, subito dopo è da menzionare, la traversa colpita da Lulic.
Dopo tante occasioni della formazione di casa ecco che per poco la compagine ospite non passa in vantaggio nel finale di tempo. Calcio d’angolo di Giovinco e Biabiany che stacca di testa colpendo la parte alta della traversa.

Nella ripresa Reja sostituisce uno stanco Lulic per Sculli, mentre Colomba toglie Giovinco per Valiani. La Lazio cala di ritmo e il Parma ne approfitta guadagnando metri preziosi. Cissè è l’ombra di se stesso, Hernanes non brilla (infatti verrà sostituito da Reja al 76′ per Gonzalez), e il resto della società romana sembra non aver più fiato. Da evidenziare che Zaccardo si divora una netta palla goal quando, al 74′ dopo essersi smarcato da Radu, da distanza ravvicinata spara alto sopra Marchetti.

Al 86′ ecco il gol della svolta, il goal della vittoria. Klose semina il panico sulla fascia destra con una progressione devastante, Mirante esce e il bomber tedesco, anziché calciare, appoggia per Kozak che di prima calcia in porta; Zaccardo con il braccio salva sulla linea ma l’arbitro De Marco fa proseguire per la regola del vantaggio perché più veloce di tutti sulla palla arriva Sculli che fa esplodere di gioia lo Stadio Olimpico.
Ora ci sarà la sosta per gli impegni delle nazionali e la truppa di Reja potrà rifiatare coccolandosi questo primato.

LE PAGELLE DI LAZIO PARMA 1-0

Lazio
Marchetti 6. Quasi mai impegnato dimostra comunque tanta sicurezza.
Konko 7. Una garanzia di qualità.
Dias 6,5. La solita calma.
Diakitè 7.Sicuramente in crescita ormai da diverse gare. Uno dei migliori.
Radu 7. Benissimo in difesa su Biabiany e anche in fase di spinta è ottimo.
Ledesma 6,5. Sempre in forma, sbaglia poco e bilancia la squadra.
Brocchi 7. Anima e cuore. Lotta su ogni palla. Motivato.
Lulic 5,5. Un po’ in calo anche quest’oggi. (Dal 46′ Sculli 6,5. Un guizzo da tre punti che fa volare prima la Lazio).
Hernanes 5,5. Oggi la stella non ha brillato. (Dal 77′ Gonzalez 5,5)
Cissè 5. Sbaglia tutto o quasi. (Dal 84′ Kozak 6)
Klose 7,5. Gli aggettivi positivi si sprecano e non bastano mai. Anche oggi, pur non segnando, dai suoi piedi nasce l’azione del goal vittoria.

Parma
Mirante 6,5
Zaccardo 5,5
Paletta 6
Lucarelli 5,5
Gobbi 6
Biabiany 5,5
Morrone 5
Galoppa 5 (Dal 79′ Blasi sv)
Modesto 5,5. (Dal 87′ Valdes sv)
Giovinco 5,5 (Dal 48′ Valiani 6)
Pellè 5

Adotta Abitare A

Arbitro
De Marco di Chiavari 5,5
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti