Lazio in zona bianca – Le regole da osservare

Redazione - 14 Giugno 2021

Il Lazio da oggi lunedì 14 giugno 2021 è zona bianca. Dopo il monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità, la mappa dei colori dell’Italia è cambiata e molte regioni entrano nella fascia che ha regole e misure meno severe. Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Piemonte, Puglia e provincia autonoma di Trento passano nella fascia a rischio più basso con circa 40 milioni di italiani che assaporeranno un lento ritorno alla normalità.

Le regole nella zona bianca

Se nella zona gialla c’è ancora il coprifuoco dalle 24 alle 5, per chi si trova in fascia bianca il coprifuoco viene abolito immediatamente. Ciò vuol dire che non è più necessario rientrare a casa entro una certa ora: ci si può insomma spostare senza limiti di orario.

Orari liberi anche per i locali pubblici. Le nuove regole prevedono che in zona bianca all’aperto non ci sono limiti di persone ai tavoli (tra i quali deve esserci comunque il distanziamento di un metro, mentre nei bar e nei ristoranti al chiuso potranno sedere allo stesso tavolo massimo sei persone salvo che siano tutti conviventi.

Si dovrà ancora osservare l’uso della mascherina sia all’aperto che al chiuso con il relativo distanziamento ancora per almeno un mese.

A chi si trova in zona bianca è consentito fare visita a parenti o amici, restando all’interno della stessa zona (bianca), senza limiti di orario o nel numero di persone che si spostano.

Resta comunque il divieto assoluto di uscire di casa per chi è sottoposto all’isolamento, essendo risultato positivo al virus, o alla quarantena precauzionale qualora sia stato identificato come contatto stretto di caso Covid-19. Inoltre chi ha sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C) deve contattare il proprio medico curante e rimanere presso il proprio domicilio, evitando i contatti sociali e limitando al massimo anche quelli con i propri conviventi.

In zona bianca, infine, è possibile organizzare feste private oltre a banchetti, cerimonie civili e religiose (matrimoni, comunioni, cresime). Resta però necessario esibire un ‘green pass’, cioè la certificazione che attesti o di essersi vaccinati o di essere guariti dal Covid-19 o di essersi sottoposto a tampone nelle 48 ore precedenti con esito negativo.

Per qualsiasi dubbio, consultare il sito della Regione Lazio o quello del Governo Italiano.

Centro Commerciale Primavera Saldi 2023

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti