Sport  

Lazio – Tottenham 0-0: i biancocelesti si qualificano in Europa League

Davanti alla stella inglese Gascogine la Lazio va alla grande
di Davide Sperati - 23 Novembre 2012

É la sera di Paul Gascogine; è la notte che regala la qualificazione ai sedicesimi di Europa League alla Lazio.
Una notte stupenda, per intensità sugli spalti e per il gioco espresso in campo dai ragazzi di Petkovic. La Lazio pareggia 0-0 e se non era per Kozak, che si è mangiato diversi goal, la Lazio avrebbe potuto vincere comodamente e regalare quella ciliegina sulla torta che è mancata. Ma si sa, nessuno è perfetto e allora alla Lazio non resta che prendersi questo pareggio che sa di vittoria per via della qualificazione raggiunta e che da una tranquillità ai tifosi della squadra romana.

Un primo tempo equilibrato. Una ripresa con solo una squadra in campo, la Lazio. Orfana di Dias, Konko, Brocchi, Klose e con Candreva in panchina la formazione di casa regala emozioni e geometrie rassicuranti. Costruisce ben 6-7 palle goal di cui quattro capitano a Kozak che però, un po’ per sfortuna, un po’ per imprecisione non riesce a massimizzarle.

Il Tottenham fa poco e solo nella prima frazione per opera del solo Bale: al 5′ un goal annullato per un fuorigioco che sembra non esserci e poi al 21′ con un tiro cross che Marchetti devia alto. Per il resto è tutta Lazio anche se il primo tiro serio arriva solo al 18′ dopo che la squadra italiana ha preso le giuste misure a quella inglese. Il tiro da fuori di Ledesma deviato da Lloris (in formissima), termina prima sulla traversa e poi in angolo. Al 26′ ripartenza bruciante della Lazio con Cavanda, bravo a scattare sulla destra e a farsi quaranta metri di campo. Il suo assist buca la difesa, Kozak calcia ma è bravo Lloris a deviare con la punta del piede in calcio d’angolo. La Lazio sale di tono e al 30′ Mauri serve di nuovo Libor Kozak che di testa spedisce a lato.

Nella ripresa dopo un quarto d’ora la Lazio sciupa ancora con Kozak che, dopo aver anticipato Caulker, solo davanti al portiere calcia malamente fuori. Il numero diciotto non è in serata e per certi aspetti i suoi sbagli sono quasi irritanti, soprattutto quando al 65′ si mangia ancora una palla goal abbastanza ghiotta.
Il Tottenham nella ripresa cala molto e la Lazio spesso agisce nella metà campo inglese. Ederson entrato al 70′, al posto di uno scialbo Hernanes, si procura una punizione che Ledesma, dai venti metri, tira di poco a lato.

I pionieri romani non mollano mai e anche nel finale cercano la via del goal, che però non arriva neanche con il colpo di testa perentorio di Ciani al 84′, parato d’istinto dall’ottimo Lloris.
Con questo pareggio la Lazio si è qualificata con una giornata di anticipo raggiungendo quota 9 punti, segue il Tottenham a 8 e, con la vittoria per uno a zero in Grecia, il Panathinaikos si porta a cinque punti superando il Maribor fermo a quattro punti.

Lazio
Marchetti 6,5. Qualche parata nel primo tempo. Normale amministrazione nella ripresa.
Cavanda 6,5. Tanta corsa e dinamismo al servizio dei suoi.
Biava 7. Un rendimento altissimo per un giocatore poco pubblicizzato.
Ciani 7. Dopo la buona prestazione di Torino stasera si conferma, sfiorando anche il goal nel finale.
Radu 6,5. Dalle sue parti non si passa
Ledesma 5,5. Sbaglia tutti i palloni del primo tempo. Migliora nella ripresa.
Gonzalez 5,5. In ombra.
Lulic 6. Poco preciso nei fraseggi ma la forma sembra migliorare. (Dal 79” Candreva 6. Entra e la Lazio accelera).
Hernanes 5. Soffre tremendamente la marcatura di Sandro. (Dal 68′ Ederson 6,5. fantasia e giocate mettono in difficoltà i colossi inglesi).
Mauri 6,5. Tante geometrie e tocchi smarcanti per Kozak.
Kozak 5. Movimenti perfetti ma conclusioni poco efficaci. (Dal 79′ Floccari sv)

Tottenham
Lloris 7,5
Walker 5,5
Caulker 5
Vertonghen 5
Naughton 6
Sigurdsson 6 (Dal 60′ Lennon 5,5)
Sandro 7
Carroll 6 (Dal 76′ Dembèlè 6)
Bale 6,5
Dempsey 5,5 (Dal 60′ Defoe 5)
Adebayor 5

Arbitro
Teixeira Vitienes 6,5 (Spa)
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti