Sport  

Lazio Udinese 3-0, un tris per la Champions

Gonzalez, Klose e punizione magica di Hernanes portano i romani a -6 dalla capolista Juve
di Davide Sperati - 28 Novembre 2012

Sette punti nelle ultime tre partite (derby, Juve, Udinese). Qualificazione in Europa League ottenuta con un turno d’anticipo. La Lazio in casa è la squadra che ha fatto più reti e più vittorie. Insomma all’Olimpico non si passa.
Anche martedi sera è stata applicata la regola del Tre. Dopo il Palermo, il Chievo, il Pescara, il Milan e la Roma, anche alla rimaneggiata Udinese è toccata la stessa sorte.

Non c’è stata mai partita per la squadra di Guidolin, che è scesa a Roma priva di ben quattro titolari e mezzo: Benatia e Basta in difesa, Pinzi e Lazzari a centrocampo e Fabbrini in avanti. A queste bisogna aggiungere anche l’uscita anzitempo di Domizzi al 23′ per infortunio muscolare. Anche la Lazio dal canto suo aveva qualche problema di formazione, infatti Dias e Brocchi sono fermi ai box per infortunio, Konko e Hernanes, non in perfette condizioni, partivano dalla panchina.

Sin dalle prime battute si è capito che la formazione di casa avrebbe avuto vita facile e già dopo dieci minuti Ledesma aveva l’opportunità per siglare la rete dell’uno a zero. Il suo rigore, angolato ma troppo fiacco, veniva parato in tuffo dall’ottimo Brkic che a fine partita risulterà uno dei migliori fra i friulani.
L’argentino però si fa subito perdonare quando al 17′, d’esterno, passa la palla a Mauri (oggi il migliore in campo), il quale, a mo’ di sponda da biliardo, confeziona un assist delizioso per Gonzalez che di prima e di sinistro (non è il suo piede), calcia a botta sicura infilando la sfera sotto la traversa.
La Lazio, forte del vantaggio acquisito, ci crede e prima del goal del raddoppio crea anche altre due palle goal: sempre dalla sinistra con Turbo Candreva che, nella prima azione tira a botta sicura ma Brkic è bravo a deviare in angolo e subito dopo la mette in mezzo ma, Gonzalez e Mauri si scontrano tra di loro e la palla sfuma via.
L’Udinese è in difficoltà e l’uscita per infortunio di Domizzi (al suo posto Angella), complica ancor di più i piani di un Guidolin che vede la sua squadra subire un’altra rete: Miroslav Klose lanciato in profondità dal solito Mauri, realizza facile facile il due a zero.

Le uniche azioni dei friulani nel primo tempo capitano, una al 17′ con la traversa su punizione di Di Natale e l’altra al 35′ con un colpo di testa di Danilo terminato di poco a lato. Troppo poco per contrastare una Lazio riposata e ben organizzata che, da quando è tornato Radu sulla sinistra non ha più subito un goal.

Nella ripresa è sempre lo stesso canovaccio con la Lazio – oggi scesa in campo con la scritta “No Racism”, che sin dalle prime battute del secondo tempo, schiacciava i bianconeri nella propria metà campo alla ricerca del goal della tranquillità. Rete che arriva al minuto cinquantotto grazie a un capolavoro balistico del Profeta Hernanes (subentrato nella ripresa a Ederson). La sua punizione da venticinque metri scavalca la barriera; infilandosi nell’angolo basso lasciando di stucco Brkic che neanche si muove.
Dopo questa magia la gara si assesta su livelli più bassi. I biancocelesti sfiorano il poker in diverse circostanze mentre Di Natale e company non combinano nulla e stavolta, a differenza della gara contro la Roma, escono sconfitti dall’Olimpico.

LE PAGELLE DI LAZIO UDINESE 3-0

Lazio
Marchetti 6-. Qualche sbavatura nella prima frazione. Senza voto la ripresa.
Cavanda 6,5. Sicuramente in crescita anche grazie alla fiducia che gli sta dando Petkovic.
Biava 7. Se si fosse chiamato Biavinho…
Ciani 6,5. Sembra essersi definitivamente ambientato nel nostro calcio.
Radu 7. Si procura il rigore ed è molto sicuro nella fase di possesso palla.
Ledesma 6. Fallisce un rigore importante. Rimedia con una buona prova dando il via al goal dell’uno a zero. (Dal 65′ Cana 5,5. Il solito cartellino giallo rimediato).
Gonzalez 7. Prova eccellente arricchita da un gran goal.
Candreva 6. Qualche spunto nel primo tempo ma niente di che. (Dal 83′ Lulic sv)
Ederson 5,5. Oggi al rientro da titolare. (Dal 46′ Hernanes 7. La punizione che chiude i conti).
Mauri 7,5. Il migliore dei suoi. Due assist che portano la Lazio alla vittoria.
Klose 7. Con la rete di ieri si porta a quota otto.

Udinese
Brkic 7
Coda 5 (Dal 86′ Heurtaux sv)
Danilo 5,5
Domizzi sv (Dal 23′ Angella 5)
Pereyra 5
Willians 5 (dal 46′ Ranegie 5,5)
Allan 5,5
Badu 5,5
Armero 5
Maicosuel 5
Di Natale 6

Arbitro
Calvarese di Teramo 8


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti