Categorie: Associazioni Sanità
Municipi: ,

Le Distrofie Retiniche Ereditarie

Secondo appuntamento di "A prima vista" insieme al Prof. Benedetto Falsini

Dopo il successo del primo incontro-dibattito in cui abbiamo affrontato insieme al Prof. Luca Mario Rossetti dell’Università degli Studi di Milano, il tema Glaucoma e di come informare su diagnosi, cause e cure, (qui la puntata https://fb.watch/5QG2D2liM6/), “a prima vista…” torna il 4 giugno alle 18.00 questa volta per parlare di Distrofie Retiniche Ereditarie.

L’importanza di spiegare sintomi, aspetti terapeutici e familiarità di una Distrofia Retinica ereditaria in modo chiaro e soprattutto corretto è fondamentale per chi ne è affetto. Decidere d’intraprendere o no percorsi assistenziali ai quali affidarsi, per prevenire peggioramenti o addirittura per intraprendere possibili cure spesso è complicato.

Per questo anche nel prossimo appuntamento cercheremo d’informare l’ascoltatore con notizie sulla diagnostica, ausili, percorsi terapeutici, aggiornamenti sullo stato della ricerca, utilizzando fonti ufficiali avvalorate da risultati certificati.

In compagnia di Benedetto Falsini Professore Associato dell’Istituto di Oftalmologia – Responsabile UOS Malattie eredofamiliari retiniche del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma parleremo del vasto mondo della retina, l’approccio multidisciplinare nella diagnostica facendo il punto sulle ultime scoperte.

Gli ascoltatori potranno intervenire con domande e richieste di approfondimento sui temi trattati durante la diretta online. Sarà possibile seguire l’evento su piattaforma Zoom o indiretta facebook dalle pagine social ufficiali dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Roma e di Retina Italia Onlus.

Per partecipare alla diretta Zoom occorre chiedere le credenziali di accesso scrivendo a: uicroma@uici.it oppure telefonando ai numeri 064469321 e 064940544


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento