Categorie: Ambiente Associazioni
Municipi: ,

Le Grotte di Falvaterra “luogo di eccellenza e di grande interesse turistico”

Un servizio speciale del TGR e il progetto europeo con la Regione Lazio e Google

Due notizie hanno richiamato con forza, all’opinione pubblica laziale, in questi ultimi dieci giorni l’interesse particolare per le Grotte di Falvaterra, in provincia di Frosinone. Un servizio speciale del TGR e il Progetto Europeo per i 25 sentieri della Regione Lazio, denominato Life Go Park: “Camminando oltre Roma”. Andando per ordine temporale, il tutto è avvenuto nella seconda metà di ottobre, e inizia la Rai, che con le immagini in diretta e due collegamenti per circa dieci minuti, nel telegiornale “Buongiorno Regione” di Rai3 del Lazio, andato in onda il 19 ottobre scorso alle7,30, sulle Grotte di Falvaterra, nella provincia di Frosinone, è stata la notizia di apertura del notiziario che quotidianamente racconta la vita del nostro territorio laziale.

speleologiQuesto servizio televisivo ha permesso, a migliaia di cittadini della nostra Regione, di conoscere,  ciò che è stato definito, con significativa determinazione,  un “ luogo di eccellenza e di grande interesse turistico”, (anche dal punto di vista speleologico e geologico) del Lazio, che dall’ottobre del 2007 è stato dichiarato dalla Regione  “ Monumento Naturale delle Grotte di Falvaterra e Rio Obaco”. Un sito con un’estensione di un’area di 133 ettari.

La trasmissione del “Servizio pubblico” ha raccontato, nei limiti di tempo a disposizione, con la partecipazione d’ interlocutori come l’Assessore regionale Bruschini, il Sindaco di Falvaterra Lancia  e l’Assessore comunale, geologo Carè, una realtà scoperta nell’ultimo mezzo secolo, ma conosciuta solo negli ultimi anni. Tale “eccellenza” rappresenta non solo una tutela per il territorio, ma  una valorizzazione e protezione di tesori naturali poco conosciuti, che se “gestiti” con razionalità e concretezza, possono essere per lo sviluppo delle piccole realtà comunali e  locali, una opportunità culturale ed economica.

grottaQuali sono le caratteristiche di questo “luogo di eccellenza”? Le Grotte di Falvaterra sono state rese turistiche e facilmente visitabili, per i primi 250 metri, anche per i portatori di handicap, con flussi di circa 10.000 visite annue. Nei tratti più interni è possibile praticare lo speleo turismo o il canyoning ( torrentismo, pratica sportiva consistente nella discesa di strette gole percorse da piccoli corsi d’acqua) soprattutto nel periodo che va da maggio a settembre.

Probabilmente il sito di Falvaterra è quello più ricercato nel nostro Paese dagli appassionati di questa disciplina, come gli speleosubacquei. Tale attività si può praticare, anche nel periodo autunnale e invernale, dietro attento controllo delle condizioni meteo, grazie ad un’ efficiente organizzazione delle visite, che cura i flussi, che sono superiori ai 1000 visitatori speleo all’anno, con notevoli presenze di turisti anche non italiani.

favaterra1Il percorso delle Grotte di Falvaterra è articolato con un passaggio da aree attive ricche di acqua, con cascate e rapide, dominate da concrezioni bianchissime (aggregati di cristallini a struttura granulare), a zone più tranquille, in parte fossili, con forre (gole o canyon), laghi con stalattiti che adornano le pareti e il soffitto della grotta. Interessanti gli animali ipogei, dai piccoli coleotteri, ai dolicopoda fino ai tipici pipistrelli appartenenti a varie specie. La parte attiva si collega direttamente con le Grotte di Pastena, dopo un percorso di circa 2,5 km. In alcuni periodi dell’anno sono organizzate delle escursioni, con attraversamento dell’intero settore attivo, e passaggio da Pastena a Falvaterra.

L’altra notizia, che rappresenta anche comunicazione, informazione e promozione, è il lancio ufficiale delle mappature sul turismo digitale, su Google Street View, avvenuto il 27 ottobre, a Villa Celimontana, nella sede della Società Geografica Italiana a Roma. Questa nuova norma  consentirà, nell’Anno dei Cammini 2016, di scoprire “ Camminando oltre Roma”, le mille bellezze della Regione Lazio, spesso ancora inesplorate, si potranno vedere da ogni angolo dei cinque continenti del mondo,  restando su una poltrona con un pc, uno smartphone o un tablet tra le mani.

Life Go Park è uno dei progetti approvati nel 2013 dalla CE, fra i suoi obiettivi primari vi è la promozione delle Aree Naturali Protette, e la sensibilizzazione verso la biodiversità e della conservazione dell’ambiente. Si rivolge ai docenti e studenti delle scuole laziali e ai cittadini, turisti ed operatori turistici attivi nel territorio regionale. Nel territorio laziale la superficie complessiva delle aree protette è pari a circa 226.305 ettari, il 13% del territorio regionale.

grotte_falvaterra-680x365_cI 25 sentieri della Regione Lazio (cammini, strade, tratturi, parchi, riserve e monumenti naturali) percorsi nei secolo scorsi da pellegrini, imperatori, briganti, contadini, pastori, e antichi conquistatori, oggi queste bellezze naturali sono state “catturate” da 15 fotocamere da 5 megapixel che, installate sullo zaino Google Trekker, hanno scattato passo dopo passo immagini georeferenziate a 360 gradi, dopo sei mesi di lavoro molto impegnativo.

Fra questi 25 sentieri visibili su Google Street View ci sono le Grotte di Falvaterra, che è l’unico sito presente dell’intera Provincia di Frosinone. Il Lazio è la prima Regione a utilizzare questa tecnologia 2.0 in Italia su queste importanti problematiche. Di recente sono state scoperte sulle colline sovrastanti le Grotte, delle mura poligonali, chiamate Castellone, risalenti al periodo preromanico, aventi un particolare interesse dal punto di vista archeologico, a circa 400 metri dall’ingresso delle Grotte di Falvaterra.

L’itinerario indicato su Google è “Sentiero Castellone – Monumento Naturale Grotte di Falvaterra, e rappresenta per la Comunità Falvaterrana motivo di soddisfazione, soprattutto per chi ha contribuito, con il loro lavoro, a far crescere e far conoscere questa grande risorsa naturale. I 25 sentieri potranno essere visibili, navigabili e condivisi attraverso l’esplorazione su Google Street View. Una sinergia di strumenti digitali che forniranno a cittadini di tutto il mondo di esplorare le meraviglie del Lazio e accedere gratuitamente a informazioni utili alla pianificazione di nuovi viaggi ed escursioni.

In questo contesto il Monumento Naturale delle Grotte di Falvaterra e Rio Obaco ha tutte le caratteristiche per svilupparsi come attrattore turistico che travalica i confini regionali. Occorre continuare a creare collegamenti con le Istituzioni che possono favorire una più adeguata segnaletica stradale (nell’Autostrada A1, all’uscita di Ceprano, non c’è nessuna indicazione: ne’ del Comune, ne’ delle Grotte) e aree di servizio per una migliore fruizione e sosta negli spazi adiacenti alle Grotte. Ecco perché, anche con i  limiti che sono superabili, le “ Grotte di Falvaterra” sono un  “luogo di eccellenza e di grande interesse turistico”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati