Sport  

Le pagelle di Udinese-Roma di Gianluigi Polcaro

Enzo Luciani - 26 Novembre 2011

UDINESE Handanovic 6; Benatia 6, Danilo 6,5, Domizzi 5,5 (dal 17′ p.t. Ferronetti 6); Basta 6,5, Isla 7, Pinzi 7, Asamoah 6,5, Armero 7; Abdi 6 (dal 24′ s.t. Fabbrini 6); Di Natale 7,5 (dal 43′ s.t. Pasquale s.v.). All.: Guidolin 8

ROMA
Stekelenburg 6: Sui gol può ben poco. Si oppone bene al tiraccio di Basta dopo la grande mischia in area
Taddei 6: Uno dei pochi a salvarsi e il paradosso è che nonostante sia un centrocampista adattato alla difesa è l’unico ad applicare meglio i meccanismi di difensivi
Kjaer 4: Sulle palle alte è imbattibile, ma per il resto non ci siamo. Manca proprio la cultura della fase difensiva e lo si vede sul gol di Di Natale, quando il bomber bianconero saluta le belle statuine romaniste e nel rincorrerlo il danesone difensore si fa pure male
Juan 5,5: Il brasiliano che sembrava esser retrocesso nella classifica delle preferenze di Luis, rispunta fuori nel freddo del Friuli. Nel primo tempo prova anche a segnare di testa, poi cala nella ripresa
Jose Angel 5: E’ una costante la sua scarsa tenuta difensiva, poi, se anche in fase d’attacco è sterile, ecco che la fascia è regalata agli avversari
De Rossi 5,5: Anche lui si vede poco, tranne un tiro insidioso nel primo tempo e qualche macchinosa sortita in avanti
Gago 5: Stecca dopo tre buone prestazioni. Sembra un pesce fuor d’acqua a centrocampo, sempre in inferiorità numerica quando Pinzi e compagni avanzano
Greco 4,5: Partita da dimenticare. Errori anche nelle cose più semplici
Pjanic 5: Anche lui stavolta non brilla. Si perde tra le maglie ferree della diga friulana, in più spreca un’occasione da gol, che provoca rimpianti
Lamela 5: E’ lasciato solo dai compagni, e quando ha la palla si incaponisce con giocate sterili. Ha una buona occasione per segnare, ma spreca tutto
Osvaldo 6,5: Il migliore della Roma. Un ottimo primo tempo, fatto però solo di giocate personali visto che i compagni non lo seguono. Nella ripresa l’unica azione insidiosa è la sua
dal 28′ s.t. Bojan 5,5: Stavolta la svolta non riesce a darla, come le altre volte in cui è subentrato dalla panchina
dal 36′ s.t. Cassetti s.v.
dal 41′ s.t. Perrotta 6: Pochi minuti ma tanto carattere, che non riesce a trasmettere ai giovani compagni
All.: Luis Enrique 4: Una batosta che significa una lezione tattica di Guidolin. Come il gatto col topo l’allenatore bianconero aspetta sornione con 9 giocatori dietro la linea della palla e lascia Di Natale e uno di turno tra Armero e Abdi sulla linea del fuorigioco romanista. Il gioco è fatto e la vittoria è garantita. Intanto Luis ancora cambia a rotazione i titolari e, cosa ben più grave, i centrali difensivi… alla 12esima giornata

ARBITRO Banti di Livorno 6,5: Gestisce una gara tranquilla assecondandone il ritmo
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti