Lettera aperta di una cittadina di Torpignattara

Lettera firmata - 29 Ottobre 2012

Cari cittadini incivili
cari proprietari di cani senza educazione e rispetto
cari parcheggiatori selvaggi
cari gestori di locali abusivi
cari ubriaconi impenitenti e aggressivi
cari tossici fuori di testa
cari costruttori de’ noantri
Torpignattara è vostra.
Sappiate che potete venire e qui e fare i vostri comodi indisturbati.
Potete gettare rifiuti in ogni dove, insozzare strade, giardini, piazze, parcheggiare su marciapiedi e passaggi per disabili, potete smerciare alcol e droga a tutte le ore, potete aprire cantieri e lasciarli marcire, potete usare il muro di una scuola come latrina, potete calpestare ogni regola senza che nessuno muova un dito.
Andate tranquilli, è tutto vostro.
E’ vostra via Gabrino Fondulo dove l’odore nauseabondo delle deiezioni canine ha reso impraticabile il marciapiede
E’ vostra via Policastro dove proprio a ridosso della scuola è possibile fare l’inventario di siringhe e feci umane che aumentano giorno dopo giorno. Tutti le notano inorriditi, tranne evidentemente l’AMA che ha gli uffici lì accanto ma pare non essersi accorta di nulla.
E’ vostro il parco Almagià dove potete lasciare che il cane scorrazzi liberamente nella aree giochi destinate ai bambini e, tocco di ironia, urini proprio sotto al cartello che gli vieterebbe l’accesso. Ma niente paura, sta lì per finta. Abbiate solo riguardo che il vostro cane non disturbi il bivacco di balordi lì presente in pianta stabile. E’ facile prevedere che presto espugneranno nuovamente il giardino, da poco ristrutturato, buttando fuori mamme e bambini che, sensatamente, non desiderano condividere gli spazi con loro.
E’ vostra via della Marranella e il suo tappeto di bottiglie di birra che ogni mattina ricorda a chi va a lavorare che all’imbrunire è meglio cambiare strada se non si vuole incappare in incontri spiacevoli.
Sappiate che qui disponete di un intero cantiere. Il cantiere di via Alò Giovannoli è vostro da anni con buona pace di tutti, in primis del costruttore che è vostro fido alleato e potete star certi vi saprà tutelare da quei rompiscatole dei condomini che vivono in zona e non me possono più di tanto degrado.
E’ vostra via Visconte Maggiolo dove esauriti i marciapiedi le macchine presto si abbarbicheranno sui muri dei palazzi e dove lo stesso brandello di carta può stazionare per settimane fino a quando la pioggia, caritatevole, non riesce a spazzarlo via
E’ vostra via Casilina dove una specie di discoteca di quart’ordine produce ubriachi, schiamazzi e risse con tale regolarità che ci potete rimettere le lancette dell’orologio.
Quindi sporcate, schiamazzate, urinate, defecate e parcheggiate dove volete. Tanto nessuno vi dirà niente, nessuno vi farà niente. Qui le prospettive per voi sono in crescita. Sono le persone civili che se ne devono andare, quelle che rispettano le regole, pagano le tasse e gli stipendi a chi dovrebbe contrastare il degrado e invece, con tanto dispiacere, si limita a dichiarare che non può fare un bel niente. Già, care persone civili, sappiate che i vigili, l’AMA, le forze dell’ordine, il delegato del sindaco, l’assessore municipale ecc ecc. non possono fare niente. Non hanno poteri, risorse, mezzi ecc ecc.. Al massimo faranno un tavolo condiviso per venirvi a raccontare che cosa non possono fare.
Quindi mettetevi l’anima in pace e lasciate spazio ai i veri padroni. A voi non resta che rassegnarvi o traslocare portandovi dietro le vostre fastidiose pretese di civiltà. Così finalmente non dovrete più dire di essere un cittadino di Torpignattara e vi risparmierete le occhiate miste di ribrezzo e compassione.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti