L’I.C. Tullio De Mauro ancora in attesa dei lavori sull’impianto termico

Ancora lungaggini. Genitori preoccupati
Antonio Barcella - 14 Luglio 2020

I tempi della burocrazia viaggiano con la lentezza di un bradipo ma, per quanto riguarda i lavori sull’impianto termico dell’I.C. Tullio De Mauro di viale Santi, deve essere stato stabilito un nuovo record di lungaggini. Ieri, un comunicato della Dirigente Scolastica Marilisa Mancino informava i genitori degli alunni e il personale didattico che: “In data 26 giugno 2020 il Responsabile Unico del Procedimento dell’appalto del rifacimento dell’impianto termico di V.le Santi, 65, ing. Barbato, e la ditta aggiudicataria, hanno effettuato un sopralluogo per visionare la scuola. Durante l’incontro l’ing. Barbato ha dichiarato che i lavori dovrebbero iniziare a metà luglio; appena arriverà la nota di inizio lavori sarà inviata una nuova comunicazione.”
È logico ormai dubitare sull’attendibilità di queste informazioni visto che nel mese di settembre del 2019 l’assessore Grifalchi del IV Municipio aveva comunicato “l’inizio dei lavori nel mese di Dicembre con fine lavori per il 06 Gennaio 2020” e tre mesi dopo aveva corretto il tiro scaricando le colpe dei ritardi sul dipartimento SIMU.
Tanti i disagi già sopportati dai genitori e dai ragazzi dell’I.C. Tullio De Mauro, per il trasferimento da ben due anni presso i locali della scuola Italo Calvino di via Antonino Bongiorno ma ormai non si può più tergiversare alla luce dei provvedimenti per il Covid-19. La stessa Dirigente Scolastica Marilisa Mancino, che subisce la situazione come i ragazzi, i genitori e il personale docente senza poter fare nulla, ha inviato un sollecito al Dipartimento Simu del Comune di Roma per conoscere la data di inizio lavori, specificando che da settembre gli alunni della Santi dovranno necessariamente ritornare nel plesso di appartenenza per evitare assembramenti e rispettare il distanziamento sociale. Detto Dipartimento, al momento, non ha inviato alcuna risposta.
Ci chiediamo tutti che cosa facciano il Comune di Roma e il “commissariato” IV Municipio, oltre a vantarsi dei piccoli interventi messi in campo in una città che aspetta ben altro.
In un momento difficile per tutte le scuole del territorio italiano, in cui l’informazione confusa, diffusa ad arte, su quello che accadrà a settembre meriterebbe quanto meno qualche certezza soprattutto in merito a guasti che si trascinano da anni senza che nessuno provveda alle riparazioni.

 

Antonio Barcella


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti